02 dicembre 2020

Spettacoli

Chiudi

21.10.2020 Tags: Musica

Domenica in
San Barnaba
con la Banda

Il 15 novembre spazio all’ottetto Rusty Brass, che porterà sul palco un programma di liscio «rivisitato»
Il 15 novembre spazio all’ottetto Rusty Brass, che porterà sul palco un programma di liscio «rivisitato»

Otto concerti domenicali sul palco del San Barnaba. Pur con le necessarie e rigorose restrizioni dovute alla pandemia in corso, l’Associazione Filarmonica Isidoro Capitanio, alla quale fa capo la Banda Cittadina di Brescia, non rinuncia alla consueta rassegna intitolata al maestro Giovanni Ligasacchi. Organizzando una serie di concerti pomeridiani, alle 17, che naturalmente prevedono in palcoscenico solo piccoli gruppi strumentali, in ottemperanza alle misure anti-Covid. La rassegna è stata presentata ieri in Loggia da Laura Castelletti, vicesindaco e assessore alla Cultura del Comune di Brescia, che ha salutato con soddisfazione la voglia di ripresa delle attività della banda cittadina, mentre Eugenio Esti, segretario e strumentista dell’Isidoro Capitanio, ha illustrato il programma proposto. I CONCERTI. La prima domenica 25 ottobre col Quadrophobia Wind Quartet, con brani che vanno da Bernstein a Gershwin e Piazzolla. Si proseguirà poi il primo novembre col violinista bresciano Daniele Richiedei che dialogherà per l’occasione con la marimba di Olmo Chittò, con il contrabbasso di Giulio Corini e con la batteria di Umberto Odone; in un programma dedicato al sassofonista Wayne Shorter, uno degli ultimi giganti del jazz, membro del secondo quintetto di Miles Davis e colonna dei Weather Report. Domenica 8 novembre sarà la volta del gruppo di percussioni Drum Lioness, formato da strumentisti della banda cittadina e guidato da Daniele Balzarini e da José Miralles Marco: in scaletta arrangiamenti che partono da Johann Strauss per arrivare a Michael Jackson. Otto gli ottoni dell’originale Rusty Brass: il 15 novembre per un programma di liscio rivisitato, sotto il motto al limite del nonsenso: «Otto ottoni otturati ottundono ottenendo ottupli ottofonie, ottacordi, ottave». Domenica 22 novembre un quartetto particolare, formato da Augusto Mazzoni al clarinetto, Gianni Alberti al sax, Marco Perini al violoncello e Ruggero Ruocco al pianoforte, per brani che comprendono Beethoven e Bruch, Milhaud e Iturralde, mentre il 28 novembre sarà la volta dell’Ensemble Mosaico Musicale, gruppo di strumenti a pizzico - mandolini, mandole, mandoloncello e chitarra - che offrirà al pubblico un programma di autori bresciani che comprendono Claudio Mandonico, Giuliano Mariotti e Sergio Negretti fino a Stefano Staro e a Lorenzo Bianchi. Infine i due ultimi concerti in San Barnaba vedranno in scena due gruppi strumentali della banda cittadina: il 6 dicembre quello dei legni diretto da Giuliano Mariotti e il 13 dicembre quello degli ottoni, sotto la guida di Sergio Negretti. Nella sala San Barnaba – tutti i concerti in programma sono gratuiti - saranno ammessi al massimo 100 spettatori che per tutta la durata del concerto e anche della loro permanenza in sala dovranno indossare correttamente la mascherina. La prenotazione per ogni singolo concerto deve essere effettuata entro le 18 del venerdì precedente l’appuntamento: via mail, scrivendo a associazione@filarmonicacapitanio.it, oppure per telefono allo 030 3756449 dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18. Buona musica a tutti. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Luigi Fertonani
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok