12 novembre 2019

Spettacoli

Chiudi

15.06.2019

«Figlio di nome Erasmus» con Luca e Paolo c’è la Alt

Iniziano oggi a Roma le riprese di una commedia on the road, diretta da Alberto Ferrari («Tra due donne», «La terza stella»), che conta su un brillante cast di attori formato da Luca Bizzarri, Paolo Kessisoglu, Ricky Memphis e Daniele Liotti nei panni di quattro quarantenni che, a distanza di 20 anni dall’Erasmus fatto a Lisbona, si ritrovano in Portogallo per affrontare un viaggio avventuroso e per scoprire un segreto che potrebbe cambiare la vita a uno di loro. Il film, dal titolo «Un figlio di nome Erasmus», segna anche il ritorno di Carol Alt sul grande schermo. Le riprese saranno effettuate tra il Lazio e il Portogallo e il film, oltre ad essere prodotto, sarà anche distribuito da Eagle Pictures. La pellicola di Alberto Ferrari narra le vicende di quattro amici quarantenni, Pietro, Enrico, Ascanio e Jacopo, chiamati a Lisbona per il funerale di Amalia, la donna che tutti e quattro hanno amato da ragazzi quando facevano l’Erasmus in Portogallo. Amalia ha lasciato un’inaspettata eredità: un figlio concepito con uno di loro. Ma chi è il padre? Aspettando i risultati del test del Dna, i quattro decidono di andare alla ricerca di questo misterioso figlio ventenne e intraprendono un rocambolesco ed emozionante viaggio attraverso il Portogallo insieme ad una ragazza che si offre di aiutarli. Nei prossimi mesi Eagle Pictures sarà impegnata anche nella realizzazione di un progetto dal respiro internazionale, «Dampyr - il figlio del diavolo», tratto dall’omonimo fumetto di Sergio Bonelli che ne sarà anche coproduttore con la sua Sergio Bonelli Editore, insieme anche a Brandon Box. Interamente girato in lingua inglese, il film è l’opera prima di Riccardo Chemello.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok