29 marzo 2020

Spettacoli

Chiudi

19.02.2020

I Carissimi e la Youth Band per la Missa Solemnis

La russa Lidia Fridman, soprano: sabato canterà in Duomo Nuovo
La russa Lidia Fridman, soprano: sabato canterà in Duomo Nuovo

La Missa Solemnis del compositore belga André Waignein, scomparso nel 2015, è considerata una vera e propria pietra miliare del repertorio per solista, coro e orchestra di fiati: ed è questo il brano che verrà eseguito sabato 22 febbraio alle 21 in Duomo Nuovo a Brescia con l’orchestra giovanile di fiati «Brescia Youth Band», il coro «I Carissimi» preparato da Edmondo Mosè Savio, la partecipazione solistica del soprano Lidia Fridman e la direzione di monsignor Pierangelo Pietracatella. Un progetto presentato in Broletto perché, come ha detto il suo presidente Samuele Alghisi, la Provincia sostiene questa serata così particolare in cui si concretizza la seconda edizione del progetto annuale rivolto ai giovanissimi, migliori elementi dei complessi che aderiscono all’Associazione Bande Musicali Bresciane, più di 100 bande. Come hanno detto il presidente e il direttore artistico dell’associazione, Dario Lorenzi e Sandro Torriani, è una partitura alquanto complessa, questa Missa Solemnis di André Waignein che venne eseguita per la prima volta nel 2011 nella Cattedrale di Aosta e che ospita anche brani che non fanno parte dei cinque momenti «classici» della Messa e che sono ad esempio un’Ave Maria che il compositore dedica alla memoria della madre, un Pater Noster e il conclusivo e maestoso Ite Missa Est; inoltre una sorta di Ouverture strumentale che precede il Kyrie. Se la partitura è complessa le giovanissime leve dell’orchestra giovanile di fiati «Brescia Youth Band» sono al lavoro ormai da tempo sotto la guida dei loro maestri per la serie di prove che porteranno l’operazione in dirittura d’arrivo; proprio come per il progetto dello scorso anno, basato sul Giro del Mondo in Ottanta Giorni di Jules Verne. E come per l’esperienza precedente il concerto di sabato sera verrà replicato toccando varie località della Lombardia e dell’Umbria, per raggiungere alla fine il Lazio. Da segnalare in particolare la partecipazione del soprano russo Lidia Fridman, un’artista ventitreenne che si è trasferita in Italia per studiare prima al Conservatorio di Udine e poi al «Benedetto Marcello» di Venezia. Alla serata, naturalmente a ingresso libero, parteciperà il vescovo Tremolada. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

L.FERT.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok