21 settembre 2020

Spettacoli

Chiudi

16.09.2020

Il Rinascimento Culturale ricomincia con Galimberti

Umberto Galimberti: studioso, filosofo, conferenziere
Umberto Galimberti: studioso, filosofo, conferenziere

Dopo le premesse, ecco prontamente i fatti: il tempo di #ripartiredallacultura è ora. Oggi. L’appuntamento, fissato per questa sera alle 21 nel giardino di Villa Caprioli di Sale a Gussago, dove ospite della serata inaugurale del festival Rinascimento Culturale sarà Umberto Galimberti, chiamato idealmente a tracciare la rotta di questa settima edizione della rassegna (organizzata dall’omonima associazione, direzione artistica di Alberto Albertini), con una conferenza intitolata «Indagine sull'anima: tra ragione e follia, tra spirito e materia». NATO A MONZA nel 1942, Galimberti ha insegnato Filosofia della storia all'Università Ca' Foscari di Venezia ed è considerato uno tra i più importanti psicoanalisti di formazione junghiana; è stato allievo di Emanuele Severino («Riteneva che la verità andasse trovata con argomenti fondati, non accettava parole a vanvera e vaniloqui. Muore la filosofia. Punto e a capo», aveva detto all’indomani della sua scomparsa), con il quale si è laureato nel 1965 con una tesi su Karl Jaspers, psichiatra e filosofo che lo ha spinto ad approfondire i legami fra psicopatologia e filosofia e del quale è diventato uno dei principali traduttori e divulgatori italiani. Galimberti ha poi focalizzato la sua ricerca proprio sui confini tra ragione e follia, nei suoi studi ha indagato con metodo genealogico le nozioni di simbolo, corpo e anima, rendendo visibili le tracce del sacro che persistono nella nostra civiltà dominata dalla tecnica. La conferenza è a ingresso gratuito, prenotabile tramite la piattaforma Eventbrite; ulteriori dettagli sul programma completo del festival con un clic al sito Internet www.rinascimentoculturale.it. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

E.ZUP.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok