29 maggio 2020

Spettacoli

Chiudi

25.03.2020

Addio a Manu Dibango, la leggenda dell’«afro jazz»

Manu Dibango, leggenda dell’afro-jazz
Manu Dibango, leggenda dell’afro-jazz

ROMA Il Coronavirus si è portato via una leggenda della musica. Ieri è morto a Parigi, dove era ricoverato da alcuni giorni, Manu Dibango, uno dei padri della musica africana contemporanea. Aveva 86 anni e nei mesi scorsi era in tour. Gli ottant’anni li aveva festeggiati con un grande concerto all’Olympia. Manu Dibango, che il mondo della musica aveva ribattezzato «Papy Groove», ha lasciato un’orma indelebile nel mondo della musica grazie a un brano che, come ricorda Lorenzo Jovanotti, che lo ha voluto nel brano «Musica» nel suo «Lorenzo 2015 CC», «si è inventato la disco music». Il brano in questione è «Soul Makossa», un irresistibile e ipnotico mix di suoni e ritmi costruito attorno a una sorta di scioglilingua, «mama-ko-mama-sa-maka-makossa» (la lingua è il Douala, Makossa è una danza del Camerun) che nel 1972 ebbe un successo clamoroso, soprattutto per un musicista africano. Dieci anni dopo quello scioglilingua è stato usato da Michael Jackson in «Wanna Be Startin’ Something»: «Papy Groove» fece causa, Jackson si difese sostenendo che era convinto fosse Swahili. Risultato, un accordo extragiudiziale. Non è andata altrettanto bene con Rihanna che invece lo ha usato in «Don’t Stop The Music»: la cantante ha sostenuto di averlo preso da Jackson. Questioni legali a parte, il brano ha fatto il giro del mondo, mescolandosi a ogni tipo di genere musicale. Una sintesi della vita di questo straordinario personaggio che ha studiato musica in Francia, dove è stato nominato Cavaliere delle Arti e che già negli anni ’60, mentre l’Africa era scossa dai movimenti per l’indipendenza, comincia con gli «African Jazz» a inseguire il suo progetto di una musica che inglobasse le tradizioni del suo continente con il Jazz, il Soul, il Funk. Inizia così il suo percorso che lo ha portato a diventare non solo l’anticipatore della disco, ma anche uno dei fondatori della World Music. Non è un caso che tra i tanti musicisti che hanno collaborato con lui ci sia anche Fela Kuti, il padre dell’Afro Beat, altro gigante della musica africana. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok