26 aprile 2019

Spettacoli

Chiudi

22.03.2019

Agnese Bignami Mazzucchelli Una via per la grande violinista

Il concerto è  oggi alle 17 nel Salone da Cemmo del Conservatorio
Il concerto è oggi alle 17 nel Salone da Cemmo del Conservatorio

Da oggi una via di Brescia è intitolata a una musicista bresciana, Agnese Bignami Mazzucchelli: e quale iniziativa migliore poteva organizzare per celebrarla se non un concerto, che si terrà oggi pomeriggio alle 17 nel Salone da Cemmo del Conservatorio «Luca Marenzio» - l’ingresso è libero - concerto che vedrà protagonista Anna Cameli all’arpa per musiche di Marcel Tournier, Bernard Andres, Felix Godefroid e Gerardo Gombau Guerra. L’evento è realizzato in collaborazione col Comune di Brescia e con la sezione di Brescia di Toponomastica Femminile, grazie alla segnalazione della bibliotecaria del Conservatorio Mariella Sala, della presidente Laura Salvatore Nocivelli e del direttore del «Luca Marenzio» Alberto Baldrighi. MA CHI ERA Bignami Agnese in Mazzucchelli? Nata a Brescia nel 1877 e scomparsa a Roma nel 1962, iniziò a studiare il violino a soli quattro anni e fu presto notata dal maestro Paolo Chimeri, che insegnava pianoforte nell’istituto municipale «Venturi». Nel 1894 eseguiva al Teatro Grande composizioni di Antonio Bazzini, presente l’autore, che la guidò poi nel perfezionamento dello studio del violino; l’anno successivo sempre al Grande interpretava per la Società dei Concerti il Concerto op. 28 di Max Bruch. LA SUA FIGURA ispirò anche i letterati dell’epoca come Pietro Giacosa, che nella novella «La mula bianca» pensò ad Agnese Bignami per il personaggio della violinista che voleva farsi calare in un crepaccio per sentire l’effetto del suono del suo violino. La lunga e straordinaria carriera di questa musicista bresciana si concluse nel 1947 nella Sala dell’Angelicum con musiche di Francesco Maria Veracini e di Ludwig van Beethoven. •

L.FERT.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok