18 novembre 2019

Spettacoli

Chiudi

20.06.2019

«Amati Organ Gala» con Bottini e solstizio d’estate lirico a Bogliaco

Prende il via oggi pomeriggio alle 17 nella Basilica Collegiata dei Santi Nazaro e Celso in corso Matteotti a Brescia, l’«Amati Organ Gala» sullo strumento Luigi Amati del 1803 restaurato nel 2014 dalla Casa d’Organi Giani. Oggi pomeriggio il concerto inaugurale è affidato a Paolo Bottini che interpreterà un vasto programma che va da Giovanni Battista Pescetti a Gaetano Valerj, Giovanni Francesco Poffa, Paolo Nevodini, Roberto Remondi, Ulisse Matthey. Completeranno il programma musiche del bresciano Giovanni Tebaldini, di Ponchielli e Verdi. Bottini, cremonese, ha pubblicato vari cd per Bongiovanni tra cui tre monografie dedicate a Petrali, Verdi e Busoni. È autore della prima biografia di Federico Caudana, del quale ha redatto il catalogo completo. Ha inciso per Bongiovanni la prima registrazione integrale della «Messa solenne in fa maggiore per organo solo» di Vincenzo Antonio Petrali sull’organo «Lingiardi» della chiesa di Croce Santo Spirito nel Piacentino. Da 2007 Bottini è organista e compositore dell'ensemble musico-teatrale «PerIncantamento» di Cremona. Concerto per il solstizio d’estate questa sera alle 21 a palazzo Bettoni di Bogliaco (Gargnano), un concerto per i soci del Festival Internazionale di Musica da Camera ma aperto anche ai non soci prenotando al 338 3246226 con offerta libera. «Sulle ali del canto» propone il soprano Silvia Dalla Benetta e il mezzosoprano Chiara Tirotta con l’accompagnamento pianistico di Michele D’Elia. Tirotta proporrà un programma rossiniano con «Se l’itale contrade... Se per voi, le care, io torno» e «Di tanti palpiti» dal Tancredi, l’aria da camera «Quai voci» per Adelaide Malanotte e il duetto finale del Tancredi nella versione Ferrara 1813. Anche Silvia Dalla Benetta propone in gran parte Rossini con «Come dolce all’alma mia» dal Tancredi, «La canzone del salice» da Otello e «Bel raggio lusinghier» da Semiramide, ma anche, in duetto con Chiara Tirotta, «Norma, Mira o Norma!» dal capolavoro di Vincenzo Bellini. Conclusione ancora con Rossini, che riunirà le due voci col duetto «Zelmira Perché mi guardi e piangi». Il programma sarà presentato da Federica Fanizza. •

L.FERT.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok