09 dicembre 2019

Spettacoli

Chiudi

20.11.2019

Cattani e Hasse, una felice riscoperta bresciana

Chiara Cattani al clavicembalo: ha reso onore a Johann Adolf Hasse
Chiara Cattani al clavicembalo: ha reso onore a Johann Adolf Hasse

È musica «che torna a casa», quella del concerto delle Settimane Barocche in San Carlino con la giovane clavicembalista Chiara Cattani: sì, perché le musiche proposte di Johann Adolf Hasse sono state riscoperte proprio a Brescia, nel Fondo Francesco Pasini della Biblioteca del Conservatorio «Luca Marenzio». Manoscritti preziosi che, come ha detto la studiosa Laura Nicora nella sua presentazione, ritornano ora alla vita e che sono stati incisi, nell’interpretazione appunto al clavicembalo di Chiara Cattani, in un doppio cd per la Concerto Records. Una serata musicalmente ricca ed entusiasmante grazie a un repertorio, quello del «caro Sassone», di grande cantabilità nei temi proposti, musiche in cui progressione e ardite modulazioni si fondono con una particolare sensibilità anche dal punto di vista del contrappunto in uno stile che riflette benissimo quel «clima italiano» che Hasse, frequentando la vita musicale di città come Venezia e Napoli, maturò in modo eccezionalmente amabile. Così, nella bella interpretazione al clavicembalo di Chiara Cattani, si sono succedute alcune Sonate di Hasse come quella in Sol minore con un ultimo tempo dedicato a Variazioni sul Minuetto, o la Sonata in sol maggiore che termina significativamente con una Fuga, forma visitata anche nell’ultimo brano in programma, dopo un’ampia, virtuosistica Toccata. GLI APPLAUSI sono andati equamente alla bravissima interprete al clavicembalo ma anche alle ottime illustrazioni di Laura Nicora: due i bis di Chiara Cattani, con la celebre Passacaglia di Georg Friedrich Händel e il Presto finale di una Sonata di Carl Philipp Emanuel Bach. Il secondo appuntamento con le Settimane Barocche sarà il 28 con «Giovanni Alberto Ristori - Un italiano a Dresda», musiche dalla Cappella Augustana col direttore Matteo Messori all’organo, il soprano Giulia Beatini e il contralto Camilla Biraga. Si tornerà al Ridotto (ingresso a pagamento) per l’ultimo concerto del Festival: il 9 dicembre ci sarà la riscoperta dell’Oratorio di Natale di Camille Saint-Saëns realizzato da Soqquadro Italiano, nella rielaborazione di Claudio Borgianni e nella fusione tra strumenti e tecnologia. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

L.FERT.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok