26 febbraio 2020

Spettacoli

Chiudi

23.01.2020

Due volte Negrita Il nuovo anno live si apre con il botto

Il tour dedicato ai vent’anni di «Reset» è partito da Arezzo con una doppia data subito sold-outDoppia celebrazione per una delle band storiche del rock italiano
Il tour dedicato ai vent’anni di «Reset» è partito da Arezzo con una doppia data subito sold-outDoppia celebrazione per una delle band storiche del rock italiano

Pronta al via ufficiale l’annata live targata 2020. Primo appuntamento con i Negrita, sabato al Dis_Play del Brixia Forum, per il tour «La Teatrale + Reset», show a doppia mandata celebrativa per festeggiare sia i 25 anni della band che i 20 dell'album «Reset» (info e biglietti: www.cipiesse-bs.it. Inizio alle 21, ampia disponibilità di tagliandi alle casse: 46 euro primo settore, 30 euro secondo). Lo scorso 18 e 19 gennaio debutto casalingo con due date sold out nella natia Arezzo: un antipasto ad alto tasso d'energia per riattaccare le batterie e arrivare belli carichi al cospetto dei fan bresciani? Agli amici bresciani promettiamo due ore e un quarto di emozioni - assicura il frontman Pau - Un concerto lungo, ma pieno di musica: saremo in sei sul palco, ci scambieremo gli strumenti, puntiamo a raggiungere un’impressionante vastità di suono in un set non solo unplugged, perché questo non rientra nelle corde dei Negrita: sarà una specie di ibrido, anche perché due ore in acustico per noi sarebbero impensabili e forse ci romperebbero pure le palle! I biglietti per il doppio show di Arezzo sono andati esauriti in 48 ore: felici di questa reazione da parte del pubblico di casa? Certo, una risposta che onora ed emoziona, anche se a onor del vero non ci siamo mai sentiti profeti in patria. Abbiamo sempre guardato oltre i confini della nostra città anche se non l'abbiamo mai abbandonata, infatti ci viviamo ancora. Quale lo spirito che vi accompagna nel nuovo anno in questo ritorno in palcoscenico? C’è sempre grande eccitazione, anche se in verità arriviamo da due anni pressoché continuativi in tour. Questa è la terza e ultima tranche delle celebrazioni lanciate nel 2019 per i nostri primi venticinque anni: un progetto che dopo la prima parte primaverile e quella estiva, ampia ora il suo raggio scavallando il quarto di secolo per rendere omaggio anche ai due decenni ormai trascorsi da «Reset». Un disco fondamentale della nostra storia, ripubblicato per altro da poco con l'inclusione della colonna sonora del film di Aldo Giovanni e Giacomo «Così è la vita», mai uscita prima. Quali le caratteristiche che resero speciale «Reset»? Fu una vera sterzata, il nostro disco di svolta, l’incontro dei Negrita con l’elettronica che già apprezzavamo singolarmente negli anni '80 ma che per varie ragioni è sempre rimasta estranea al nostro mondo: in quell’album ci sono pezzi che hanno cambiato il nostro Dna. Come siete riusciti a resistere così a lungo? Non ci sono segreti: si va avanti giorno dopo giorno, guardando avanti con coraggio. In fondo ci sentiamo ancora degli outsider, né indie né mainstream. Ma siamo felici di quanto ottenuto: mai puntato a numeri o platee più grandi, la nostra principale ambizione è sempre stata quella di ampliare i nostri confini artistici. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Claudio Andrizzi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok