21 novembre 2019

Spettacoli

Chiudi

19.06.2019

Ground, la scossa dalla Bassa alla Franciacorta

Ata: a loro l’onore di aprire il terzo Ground Music Festival
Ata: a loro l’onore di aprire il terzo Ground Music Festival

Fluttuando nella dimensione sonica ibrida fra jazz, pop e visioni sperimentali, mantengono l’orientamento focalizzati su un obiettivo comune: «Creare un continuum sonoro senza fine, dove ritmo, melodia, rumore e ripetizione generano un'esperienza non solo per l'orecchio ma anche per l'anima». Connessi nel «piccolo e meditativo» progetto Ata, Michele Zuccarelli Gennasi ( batteria/elettronica), Greta Antes (nome d’arte di Silvia Lovicario, voce), Andrea Ragnoli (piano e tastiere) e Gabriele Guerreschi (contrabbasso) stasera aprono il terzo Ground Music Festival, le cui scosse telluriche si propagheranno dal cuore della Bassa fino alle colline della Franciacorta, fedeli al manifesto «Arts+food+wine=love!». Il percorso tracciato dalla rassegna diretta da Gabriele Mitelli partirà da Orzinuovi, sullo sfondo di piazza Garibaldi, dove la formazione bresciana si esibirà dalle 21.30 (ingresso libero), per poi far tappa domani all’azienda agricola Lo Sparviere di Monticelli Brusati nel segno noise-jazz di Hobby Horse, con il duo formato da Ivo Perelman e Matthew Shipp a completare la line-up della serata. Felpati, minimalisti, atmosferici, spaziando fra texture ambientali, pulsazioni in loop e fughe oniriche, fra melodie ariose e frenetici poliritmi, gli Ata (che hanno da poco registrato il loro primo album) evocano paesaggi sonori limbici, eterei. E soprattutto dal vivo incanalano le tanto care influenze neo-soul/trip-hop in una direzione originale e per nulla derivativa. Detto dell’appuntamento di domani, Ground venerdì sera farà poi scalo all’Alberodonte di Rodengo Saiano: in arrivo il chitarrista Paolo Angeli, con il suo progetto «Free Radiohead», e Cristiano Calcagnile, a rinsaldare la collaborazione con l’etichetta We Insist! Prima della super doppietta del fine settimana: dalle viscere della scena downtown newyorchesemister Hank Roberts irromperà sabato all’azienda agricola Il Pendio di Monticelli Brusati con il quintetto Pipe Dream, per chiudere domenica (dopo il bis mattutino dello stesso Roberts, stavolta in solo, a Ome) sempre all’Alberodonte, con Nino Locatelli e i suoi Pipeline 8. Biglietti su groundmusicfestival.com oppure direttamente alla cassa; ingresso libero per i ragazzi e le ragazze under-20. •

E.ZUP.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok