09 dicembre 2019

Spettacoli

Chiudi

20.11.2019

«Ho perso il filo» in scena Inimitabile Finocchiaro

Angela Finocchiaro all’opera in «Ho perso il filo»
Angela Finocchiaro all’opera in «Ho perso il filo»

Una commedia, una danza, un gioco, una festa: ecco «Ho perso il filo», atteso spettacolo che porterà al teatro Bonoris di Montichiari, stasera alle 21, un’Angela Finocchiaro inedita, che si confronta con linguaggi espressivi mai affrontati prima, per raccontare con stralunata comicità ed ironia di un’eroina pasticciona e anticonvenzionale che parte per un viaggio, si perde, tentenna, ma poi combatte fino all’ultimo il suo spaventoso Minotauro. Le scene sono del bresciano Giacomo Andrico, la regìa di Cristina Pezzoli, il testo di Walter Fontana, che condivide il soggetto con l’attrice e la regista. Lo spettacolo inizia, fuori dal sipario, con la Finocchiaro che, stanca dei soliti ruoli, decide di interpretare Teseo, il mitico eroe che si infila nel labirinto per combattere il terribile mostro che si nutre di carne umana. Ma quando lei, entrando nel sipario, si introduce nel labirinto, niente va come previsto. Strane creature, un misto tra acrobati, danzatori e spiriti dispettosi, la circondano, la disarmano e soprattutto tagliano il filo che le assicurava la via del ritorno. Disorientata, isolata, impaurita, la protagonista scopre di essere finita in un luogo magico ed eccentrico, che si esprime con scritte e disegni in un gioco, allegro e crudele, per farle ritrovare il filo perduto. «Le creature magiche e il muro parlante mi dimostrano che non ho nessuna qualità per essere un eroe - racconta l’attrice -. La protagonista, costretta a svelare ansie, paure, ipocrisie che sono sue come del mondo di oggi, riscoprirà il senso di parole come “coraggio” e “altruismo”. Alla sua maniera naturalmente». La pièce vive del rapporto tra le parole comiche di un personaggio contemporaneo e la fisicità acrobatica, primitiva, arcaica delle «Creature del labirinto» - Alis Bianca, Giacomo Buffoni, Alessandro La Rosa, Antonio Lollo, Filippo Pieroni, Alessio Spirito- sotto la guida di Hervè Koubi, uno dei più affermati coreografi al mondo. Finale inatteso che si trasforma in una festa collettiva coinvolgente e liberatoria. L’ingresso ai palchi e alla platea costa 30 euro; al loggione 25 euro. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Milena Moneta
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok