21 ottobre 2019

Spettacoli

Chiudi

13.04.2019

Jazz, anteprima in cuffia E una notte infinita di note

Federica Michisanti ha vinto il «referendum» Top Jazz 2018 Osaka Yoshitake Expe in sala Grande per tutti
Federica Michisanti ha vinto il «referendum» Top Jazz 2018 Osaka Yoshitake Expe in sala Grande per tutti

A volte è bello scambiare la notte per il giorno. E viceversa. La terza edizione de La Grande Notte del Jazz inizia… stamattina, alle 10, nella sala delle Statue del teatro Grande con gli «Ascolti Jazz», a ingresso libero che proseguono fino alle 17: raffinati dispositivi di riproduzione sonora saranno messi a disposizione da Stereobox, con una speciale cuffia da cui si accede a tracce selezionate tra i lavori degli artisti che saranno protagonisti della Grande Notte del Jazz. Alle 11 l’iniziativa è riservata alle scuole medie e superiori, nel Ridotto: prova aperta del concerto che l’Eloisa Manera Trio presenterà poi in serata. LA GRANDE Notte del Jazz, sette ore di musica non-stop con 16 concerti e ben 42 artisti da Italia, Olanda, Danimarca, Svizzera, Inghilterra e Giappone, si basa su tre percorsi d’ascolto fra i quali il pubblico è invitato a scegliere fra Air, Ground e Fire. Air, ha in programma lavori meditativi e intimi mentre Ground è prevalentemente legato ai linguaggi del passato - dalla tradizione jazz alla canzone folk al rock - e infine il percorso Fire presenterà musiche più «audaci». I tre percorsi si apriranno alle 19 in sala Grande con la ICP Orchestra impegnata nei «classici» di Thelonious Monk e Duke Ellington, alternando famosi temi con brani originali e momenti di pura improvvisazione. Dopo l’apertura il pubblico che avrà scelto il percorso Air assisterà alle 20.30, nel salone delle Scenografie, al concerto del Jesper Zeuthen Trio: il danese Zeuthen sarà affiancato dal bresciano Roberto Bordiga al contrabbasso, e dal batterista Thomas Praestegaard. Nel Ridotto, alle 22.15, la voce di Elena Tavernini con Giacomo Papetti al basso proporrà il progetto «All the world is green», sulla musica di Tom Waits; infine alle 24 nella sala Palcoscenico Borsoni ci sarà Federica Colangelo per «Acquaphonica» con Michele Tino al sassofono, Marco Zenini al contrabbasso e Ermanno Baron alla batteria. Per chi avrà scelto il percorso Ground alle 20.30 nel Ridotto del Teatro il trio della violinista e compositrice Eloisa Manera con Simone Zanchini alla fisarmonica e Marco Remondini al violoncello. alle 22.15 nella sala Palcoscenico Borsoni il progetto «Solo Piano» di Kit Downes; e alle 24, nel salone delle Scenografie, l’Enrico Terragnoli Trio con chitarra e tastiera, Danilo Gallo al contrabbasso e Zeno De Rossi alla batteria. Per il percorso Fire alle 20.30 nella sala Borsoni il Nicolas Masson Quartet, alle 22.15 nel salone delle Scenografie l’ensemble Roger Rota «Octo», uno dei gruppi migliori della nuova generazione, alle 24 nel Ridotto la contrabbassista romana Federica Michisanti vincitrice del referendum «Top Jazz 2018» miglior nuovo talento. Durante gli intervalli tra i concerti nelle sale minori, gli spettatori dei tre percorsi saranno invitati a incontrarsi in sala Grande per due esibizioni estemporanee dello straordinario artista di Osaka Yoshitake Expe. Ogni carnet costa 30 euro, 20 con la riduzione. •

Luigi Fertonani
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok