19 ottobre 2019

Spettacoli

Chiudi

20.09.2019

L’arte popolare di Siqueiros: «La realtà e il mito» in mostra

David Alfaro Siqueiros
David Alfaro Siqueiros

David Alfaro Siqueiros è uno dei più importanti artisti del secolo scorso, noto al grande pubblico per i murales con cui ha raccontato la storia del popolo messicano e le sue lotte per l’indipendenza e la rivoluzione. Insieme a Ribera e Orozco affermava che l’arte doveva parlare direttamente al popolo attraverso la potenza delle immagini e pertanto le opere non dovevano stare nei musei, ma nelle strade, nei luoghi pubblici dove tutti avrebbero potuto vederle. A Siqueiros, artista impegnato, rende omaggio SpazioAref con la mostra «La realtà e il mito. Le litografie di David Alfaro Siqueiros della collezione De Micheli», che sarà inaugurata il 28 settembre nella galleria di piazza Loggia dove resterà fino al 24 dicembre. L’esposizione, curata da Roberto Ferrari e Francesca Pensa, presenta 21 litografie provenienti dalla collezione di Mario De Micheli che da storico dell’arte aveva dedicato numerosi studi all’artista messicano. Tra di loro c’erano consonanza di ideali e grande amicizia. NEL 1966 Siqueiros, in occasione di un viaggio in Italia, donò a De Michelis un gruppo di litografie come riconoscimento della stima che il pittore aveva verso l’ hermano italiano; altre litografie si aggiunsero in seguito, dopo la morte dell’artista, per volontà della moglie Angelica. Le incisioni coprono un po’ tutta la sua produzione artistica: la più antica è del 1930, la più recente del 1973. Diversi i temi trattati. Un gruppo consistente racconta la vita sociale messicana e, in particolare, quella dei contadini con evidenti collegamenti ai più celebri murales; vi è poi un secondo nucleo di 8 litografie che raffigurano paesaggi, la cui fonte di ispirazione è costituita dal poema Canto general di Pablo Neruda nel quale lo scrittore cileno, amico di Siqueiros, canta l’America Latina attraverso la trasfigurazione letteraria dei luoghi, dei miti e della storia di quella terra. In queste ultime litografie si può cogliere un segno che esprime una gestualità forte e violenta. L’esposizione è arricchita da tre conferenze, le domeniche 20, 27 ottobre e 3 novembre alle 18 allo SpazioAref, tenute da Rinaldo Capra, Roberto Ferrari e Chiara Stella Sara Alberti; sono previste visite guidate gratuite il sabato e la domenica alle 17. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

F.D.L.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok