20 novembre 2019

Spettacoli

Chiudi

15.06.2019

L’orchestra speciale raddoppia per fotografare un’epoca

L’Orchestra STU.D.I.O. composta da maestri e allieviPier Carlo  Orizio: dirigerà il doppio concerto in città e Valcamonica
L’Orchestra STU.D.I.O. composta da maestri e allieviPier Carlo Orizio: dirigerà il doppio concerto in città e Valcamonica

È una delle ultime iniziative per questo anno accademico dell’attività artistica del Conservatorio «Luca Marenzio», il concerto presentato al Salone Da Cemmo e che si terrà sabato 22 giugno alle 18 a Brescia nella chiesa di Santa Maria del Carmine e il giorno successivo alle 21 al Centro Congressi di Boario Terme. Il concerto s’intitola «Quadri e racconti musicali di fine Ottocento» e comprende anzitutto il poema sinfonico Francesca da Rimini op. 77 di Antonio Bazzini cui seguiranno l’Intermezzo sinfonico dal terzo Atto della Manon Lescaut di Giacomo Puccini e il celebre ciclo dei Quadri di un’esposizione di Modest Musorgskij nell’orchestrazione di Maurice Ravel. Il dato particolarmente interessante è il fatto che questo difficile programma sarà interpretato – come hanno detto il direttore Alberto Baldrighi e la presidente Laura Salvatore Nocivelli - da un complesso speciale, l’Orchestra STU.D.I.O. del Conservatorio che com’è noto è formata da maestri del Conservatorio che affiancano gli allievi, un’esperienza che non ha altri esempi nei Conservatori italiani e che costituisce un fondamentale punto di partenza per un allievo che intenda intraprendere la carriera di strumentista. «È UN’ORCHESTRA – ha aggiunto Alberto Baldrighi – che riunisce allievi accuratamente selezionati e che usufruiscono di una borsa di studio, e questo costituisce naturalmente un’alta qualità dei risultati, del resto confermata dal successo ottenuto dall’Orchestra STU.D.I.O. nelle sue ultime produzioni». Un’altra particolarità di questo doppio concerto è che sarà diretto dal maestro Pier Carlo Orizio, che da quest’anno insegna al «Luca Marenzio»: «È per me un’emozione non piccola tornare a Brescia, da insegnante e da direttore d’orchestra nel Conservatorio dove ho studiato. Naturalmente in questi giorni sono alle prese col programma che proporremo a Brescia e a Darfo, un programma di particolare difficoltà perché si tratta di brani che non hanno un solista vero e proprio… Anche se nei Quadri di un’Esposizione di Musorgksij le parti solistiche ci sono eccome, basti pensare al saxofono de Il Vecchio Castello e alla tromba di Samuel Goldenberg e Schmuyle. E sono parti che sono affidate ad allievi, non a maestri». Il programma del concerto comprende anche il poema sinfonico Francesca da Rimini op. 77 di Antonio Bazzini, il celebre bresciano amico di Paganini e Schumann e che andrebbe sicuramente «riscoperto». Il progetto dell’Orchestra STU.D.I.O. è sostenuto generosamente dalle borse di studio conferite all’Orchestra dall’Associazione Ex Dirigenti del Gruppo Banca Lombarda e Piemontese e Soroptmist International Club Iseo Vallecamonica Sebino Franciacorta. •

Luigi Fertonani
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok