23 maggio 2019

Spettacoli

Chiudi

20.04.2019

Lumezzane rende omaggio a Giacinto Prandelli

Giacinto Prandelli con Renata Tebaldi ne «La traviata»
Giacinto Prandelli con Renata Tebaldi ne «La traviata»

«Finalmente ospitiamo a Lumezzane un bel tenore lirico, all’italiana, che interpreterà il repertorio di Giacinto Prandelli». Così ieri la musicologa e direttrice artistica Roberta Pedrotti e il sindaco Matteo Zani hanno presentato il tradizionale concerto omaggio al più celebre valgobbino scomparso nel 2010. L’appuntamento è per domenica 28 alle 18, all’Odeon, con «Di quell’amor ch’é palpito» nell’edizione numero 9 di «Odeon Classic» per la stagione del teatro. Stavolta sul palco saliranno il soprano Sara Rossini e il tenore Riccardo Della Sciucca, fidanzati nella vita, accompagnati al pianoforte da Marco Borroni. I due cantanti sono valutati tra i migliori nel panorama musicale di questi anni e vincitori di concorsi internazionali, arrivando dall’Accademia del Teatro alla Scala di Milano, proprio dove Prandelli esordì diretto dal maestro Arturo Toscanini. All’Odeon, in un’ora circa, si potranno ascoltare le arie tratte da alcuni capolavori di Giuseppe Verdi, del belcanto romantico di Gaetano Donizetti e del raffinato verismo di Francesco Cilea, cavalli di battaglia del tenore lumezzanese. Protagonista, con Verdi a fare da padrone e la cui «Traviata» ispira il tema del concerto, saranno l’amore e la passione nel melodramma. Si parte col «Rigoletto» in cui il Duca canta il piacere della seduzione che si ride di fedeltà e gelosia, ma gli risponde Nemorino che nell’«Elisir d'amore» si scopre ricambiato dalla bella Adina. Meno felici le sorti di Violetta e Alfredo nella «Traviata», ma nel duetto «Parigi, o cara» sognano una nuova vita insieme. In «Luisa Miller» la protagonista si dispera per un ricatto che l’obbliga di far credere all’amato di averlo illuso per interesse. Tormenti e sentimenti contrastanti animano anche «Aida», innamorata di Radames; «Adriana Lecouvreur», che morirà per un intrigo d’amore e gelosia, canta la sua devozione all’arte. Chiude il duetto «Simon Boccanegra» e «La dolcissima effigie» da «Adriana Lecouvreur» con la voce di Prandelli. L'ingresso è di 10 euro (ridotto 5). Prevendita martedì e mercoledì dalle 18,30 alle 19,30 all’Odeon e alla libreria Punto Einaudi di Brescia. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Fabio Zizzo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok