14 novembre 2019

Spettacoli

Chiudi

17.10.2019

Mr Wob & The Canes tra afro, blues e folk

Mr Wob & The CanesRiccardo Maffoni: ospite d’onore
Mr Wob & The CanesRiccardo Maffoni: ospite d’onore

Prendete il blues prebellico, suonato con banjo, chitarre e percussioni, e quello di New Orleans. Aggiungete due-tre pizzichi di cattiveria del folk di protesta e un bicchiere del jazz dei primi del ‘900, quello del Proibizionismo. Scuotete con qualche ritmo afrolatino, mescolate con decisione rock. Il risultato è il «voodoo roots stew», lo stufato di radici voodoo proposto da Mr. Wob & the Canes, il gruppo veneziano che venerdì 18 ottobre alle 21.30 è sul palco del Cohen, il music pub in via Scarsellini. La loro storia inizia come trio: chitarra acustica (Mr. Wob), batteria-asse da lavare (Giovani Sugo Natoli) e contrabbasso (Loris Tagliapietra). Con questa formazione la band produce due album: “Invitation to the gathering” (2014) e “The ghost of time” (2015). A mutare il gruppo è entrato Alejandro Garcìa Hernandez, alias Dr. Jinx. A lui si devono i ritmi di Haiti e dell’Africa. Nel 2018 la svolta: esce dal gruppo Tagliapietra ed entra Kowalski, all’anagrafe Alessandro Di Vacri. The Canes si ritrovano così senza basso ma con due chitarre. Lo scorso mese hanno pubblicato il loro album “Not your negro”, con 10 brani scritti da loro, tra Venezia, il sud degli Stati Uniti e l’Africa.

G.Br.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok