26 febbraio 2020

Spettacoli

Chiudi

23.01.2020

Piano, voce e Bill Fay: che magia

Nuovo, splendido capitolo per una storia affascinante: quella di Bill Fay, cantautore londinese, classe 1943, scuola Nick Drake per capirci, due album splendidi passati inosservati nel '70 e '71, divenuti di culto negli anni successivi. Da qui la riscoperta che ha infine convinto Bill Fay a uscire da un lungo esilio musicale durato quarant'anni. Nel 2012 il comeback magnifico di «Life Is People», nel 2015 il bis con «Who Is the Sender», ora la terza uscita dopo il comeback con «Countless Branches»: disco essenziale, minimale, pochi strumenti, un pugno di canzoni, piano e voce per meno di mezz’ora di musica di splendida, commovente intensità. (Dead Oceans)

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok