21 settembre 2019

Spettacoli

Chiudi

24.05.2019

Si Può Fare Band, suono che va «dritto al cuore»

Lo show e Davide Zubani alla chitarra: collabora con Andrea Silvestri
Lo show e Davide Zubani alla chitarra: collabora con Andrea Silvestri

Vietato non sognare. Meglio se ad occhi aperti, su un palco, tra percussioni fluenti e graffi di chitarra in totale trasporto rock’n’roll. La musica come strumento con cui veicolare un messaggio universale, trasformare la missione impossibile in avventura possibile: «Non importa in quale condizione sei o quante risorse hai, l’importante è che credi insieme a noi che imparare a volare…si può fare!». È il motto ma anche «lo spirito con il quale cerchiamo di guardare oltre le barriere» che caratterizza la Si Può Fare Band, dal vivo domani sera alla polisportiva oratorio Marcheno per «un concerto che arriverà dritto al cuore». Il progetto è frutto dell’omonimo laboratorio musicale (itinerante nel territorio bresciano) ideato e diretto da Davide Zubani e promosso attraverso un’innovativa realtà associativa il cui obiettivo «è offrire un’esperienza educativa guidata a persone con disabilità, nella quale possano sperimentare in modo attivo il ‘fare musica’. Un lavoro intenso, difficile e sperimentale – osserva Zubani - che ha portato all’acquisizione di competenze e al consolidamento del gruppo». ATTIVO dall’anno scorso, il laboratorio individua proprio nella dimensione live la propria cifra espressiva d’elezione, con la volontà di «promuovere un cambiamento affinché la disabilità possa rivelarsi ed essere sempre più accolta nei contesti sociali. L’esperienza della Si può fare band dimostra le potenzialità e le risorse che le persone disabili possono mettere in gioco di fronte a vere opportunità». Giacché, prosegue Zubani, anch’egli chitarrista e collaboratore del manager e talent-scout Andrea Silvestri, «il contatto umano che si crea durante la performance è linfa vitale che garantisce ai ragazzi e al pubblico un’esperienza unica». Ancor più perché la band in questione, composta da 14 elementi (compresi alcuni educatori), spazia attraverso un sound adrenalinico da Chuck Berry a Stevie Wonder, passando per i Queen, omaggiati con una cover di «Somebody to love» di cui è stato girato un video a Pontevico, realizzato col supporto di Marco Piazza e Pasquale Vezzoli. Il groove scalpita, domani è qui: il concerto, organizzato con l’assessorato alla Cultura del Comune di Marcheno, inizia alle 21.30. •

E.ZUP.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok