23 novembre 2019

Spettacoli

Chiudi

08.11.2019

Violoncelli e liuto in San Giorgio

Il violoncellista Paolo Beschi
Il violoncellista Paolo Beschi

Secondo concerto delle Settimane Barocche questa sera alle 20.30 nella chiesa di San Giorgio a Brescia (l’ingresso è gratuito), con i due violoncelli di Paolo Beschi e di Carlo Maria Paulesu e con Marco Baronchelli al liuto. Il programma dedicato a questo particolare organico prevede musiche di Domenico Gabrielli e Alessandro Piccinini, di Giovanni Battista Bononcini, Giuseppe Sammartini e Francesco Geminiani, grandi compositori vissuti tra Seicento e Settecento. Nelle forme musicali proposte avremo Ricercari, Toccate e Sarabande, Canoni e naturalmente Sonate, alternando brani per violoncello e per liuto solo ad altri interpretati insieme dai tre strumentisti. Da segnalare il ritorno nella nostra (e sua) città di Paolo Beschi, violoncellista bresciano formatosi al Conservatorio «Luca Marenzio» con Maria Leali e in seguito perfezionatosi con Franco Rossi e poi insegnante di quartetto e violoncello barocco al Conservatorio di Como. Nel 2017 ha portato a spasso per l’Europa un programma vivaldiano esibendosi in prestigiose sale, tra le quali il Mozarteum di Salisburgo, la Pierre Boulez Salle di Berlino e la Hercules Salle di Monaco. A pochi passi da San Giorgio, nel salone monumentale del refettorio del Museo Diocesano, in via Gasparo da Salò, questa sera alle 21 si esibiranno i giovani pianisti che si stanno perfezionando a Brescia seguendo i corsi del Talent Music Master: Ngan Ha, Mai Kawasaki, Josephine Koh e Mia Pecnik, impegnati in un programma che comprende musiche di Chopin, Schumann e Liszt. All’Auditorium San Filippo di Gardone Val Trompia prosegue alle 20.45 l’Autunno Musicale. In programma un recital della pianista Fernanda Damiano, che interpreterà la Sonata n. 23 op. 57 «Appassionata» di Beethoven, la Ballata n. 2 S. 171 di Franz Liszt, l’Allegro de Concierto di Enrique Granados e la Fantasia Baetica di Manuel De Falla. Originaria di Taranto, dove è nata nel 1995, Fernanda Damiano si è diplomata a soli 17 anni con dieci, lode e menzione d’onore al Conservatorio di Bari e ha poi conseguito il diploma accademico di secondo livello al «Vittadini» di Pavia con centodieci, lode e menzione con Roberto Paruzzo. L’ingresso al concerto anche in questo caso è gratuito. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

L.FER.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok