06 agosto 2020

Spettacoli

Chiudi

02.07.2020 Tags: Musica

Neil Young, 46 anni dopo un capolavoro ritrovato

C’è gente che si arrabatta per intere carriere cercando di mettere insieme almeno un disco sopportabile dall’inizio alla fine. E poi c’è Neil Young, che archivia capolavori per decidere improvvisamente di pubblicarli 46 anni dopo. Perché questo è esattamente quel che è capitato con «Homegrown», misterioso album perduto ormai entrato nel mito, registrato in analogico tra il ’74 e il ’75 sulla scorta della fine burrascosa del rapporto sentimentale con l’attrice Carrie Snodgress e per questo giudicato «troppo personale e troppo doloroso, il lato triste di una storia d’amore raccontata a cuore infranto». Da qui la decisione di conservare l’opera solo per sé. Ma si sa, il tempo cura tutte le ferite: e così alla fine il vecchio Neil ha deciso di condividere finalmente uno dei capitoli più misteriosi del suo lunghissimo e glorioso cammino. Album solitario, magico, spartano, possibile ponte tra «Harvest» e «Comes a Time», con tocchi eccentrici alla «Tonight’s the Night» e malinconie alla «On the Beach». Un gioiello. (Reprise)

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok