29 ottobre 2020

Spettacoli

Chiudi

21.09.2020 Tags: Musica

Ohlana, note tra il caos e l’ordine

Chitarra, contrabbasso e batteria stasera con gli Ohlana per «MoCa Suona sotto le stelle» in via MorettoL’ingresso al concerto è gratuito ma con prenotazione obbligatoria
Chitarra, contrabbasso e batteria stasera con gli Ohlana per «MoCa Suona sotto le stelle» in via MorettoL’ingresso al concerto è gratuito ma con prenotazione obbligatoria

Tra improvvisazione e nuove composizioni: «Ohlana» è un trio di recentissima formazione cui danno vita Luca Barbieri alla chitarra, Gabriele Guerreschi al contrabbasso e Michele Zuccarelli Gennasi alla batteria: questa sera alle 21 è impegnato, nel cortile del Mo.Ca in via Moretto 78, in un nuovo appuntamento della rassegna musicale «Mo.Ca. Suona sotto le stelle» organizzata dal Comune di Brescia per l’estate in città. Così Michele Zuccarelli Gennasi definisce il lavoro della nuova formazione: «La convivenza tra improvvisazione radicale e composizioni inedite è la caratteristica fondamentale di questo trio: sin da subito l’idea è stata quella di focalizzare l’attenzione su soluzioni differenti rispetto al tipico combo scelto partendo da esperienze musicali diverse, con l’obiettivo di condurre l’ascoltare in un viaggio sonoro tramite l’ascolto. La ricerca timbrica, i momenti di distensione, di libertà espressiva e le continue transizioni dove caos e ordine cercano il loro spazio sono gli elementi che meglio definiscono la ricerca che stiamo intraprendendo». Luca Barbieri ha studiato per anni privatamente il suo strumento, per poi arrivare al diploma accademico e successivamente all’approfondimento, sotto la guida di vari insegnanti, del linguaggio jazzistico. «Il melting pot di vari stili - dice il chitarrista - la musica folk e la melodia rimangono capisaldi nella mia visione e nella stesura delle mie composizioni. Amo pensare che la musica rappresenti il luogo nel quale viviamo, quello che ci circonda e l’immaginario che ne deriva; senza dimenticare chi siamo». Il contrabbassista Gabriele Guerreschi si dedica ormai da molti anni ad ascolti musicali che vanno dal punk all’avanguardia. «Questo mi ha permesso di approcciarmi in modo libero e sincero verso qualsiasi materiale esecutivo. Partendo dalla scuola del mio paese e passando dai musicisti incontrati durante i vari seminari fino al diploma al Conservatorio ho sempre affrontato lo studio come formazione di un lessico necessario a dar voce alle mie sensazioni. Ho avuto la fortuna di esplorare il linguaggio jazzistico dello strumento con artisti italiani e stranieri: questa formazione mi ha indirizzato nell’attenzione verso il timbro, l’interplay, l’ascolto e l’improvvisazione». Michele Zuccarelli Gennasi ha maturato in età adolescenziale il suo interesse per la batteria: «Credo fortemente nella funzione comunicativa dell’arte come mezzo attraverso il quale esprimere i propri dubbi, le proprie certezze e la propria visione del mondo e della realtà. La forma tramite la quale si trasferisce il messaggio può essere il messaggio stesso: per questo cerco di ascoltare, analizzare e interiorizzare parecchie forme di espressione e di analisi della comunicazione». L’ingresso al concerto è gratuito ma con prenotazione obbligatoria da effettuare su morettocavour.com o sulla pagina Facebook. •

Luigi Fertonani
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok