28 novembre 2020

Spettacoli

Chiudi

23.10.2020 Tags: Musica

Pedrini: «Il mio
disco arte, amore
e rock’n’roll»

Sul palco con Francesco Sarcina delle Vibrazioni, uno degli ospiti del concerto che oggi diventa discoLo Zio Rock davanti al suo pubblico nel 2019: un colpo d’occhio notevole nell’arena milanese del Fabrique GIGI FRATUS - FG MUSIC PHOTO
Sul palco con Francesco Sarcina delle Vibrazioni, uno degli ospiti del concerto che oggi diventa discoLo Zio Rock davanti al suo pubblico nel 2019: un colpo d’occhio notevole nell’arena milanese del Fabrique GIGI FRATUS - FG MUSIC PHOTO

Il Guerriero «è vivo ed è tornato». E oggi pubblica un disco. Cosa vuoi che sia una pandemia per chi ha già vissuto... ...quante vite? «Sono alla terza - sorride il fondatore dei Timoria Omar Pedrini, che ha superato interventi delicati per i suoi problemi di cuore -. Ma sto per vivere la quarta, da padre: Veronica è in dolce attesa, il mio terzo figlio arriverà fra l’11 e il 16 febbraio. Si chiamerà Leone, in onore di Brescia, o Faustino, se nascerà il 15... Quanto al Coronavirus, non lo sfido, semmai lo temo e rispetto: non sono Ibrahimovic e nemmeno Lemmy dei Motorhead, che per i rocker è dio. Non pecco di tracotanza, di ùbris, sennò si scatena la timorìa, la vendetta degli dei... La mia piccola Emmadaria ha avuto il virus, per fortuna sta bene ed è tornata a scuola. Io sto facendo slalom superspeciali per dribblare il Covid e portare in gira i miei show: fra live, reading e poesie ho un lato B artistico che mi consente di cavarmela». Il «Viaggio senza vento» di un anno fa è diventato un album targato Universal: da oggi è nei negozi la registrazione del concerto-happening del 2 dicembre al Fabrique di Milano, ultima tappa di una tournée di successo. Un evento ricco di ospiti come Eugenio Finardi, Mauro Pagani, Ensi... Una bella scommessa vinta. «Riportare sul palco di Milano un happening di poeti, artisti, scrittori, musici nel 2019 poteva essere una follia e forse lo è stata, ma la soddisfazione di quella serata è stata impagabile, con le sue imperfezioni, che non abbiamo voluto correggere ma lasciare tutte in stile “Dogma 95” senza toccare l’incisione originale. Sembrava di essere negli anni ’70 al Parco Lambro. Art and love and rock’n’roll». Il disco suona molto brit, a tratti funky, soprattutto nelle code dei brani. Una direzione che influenzerà il prossimo album di inediti? «Ho una grande band, dal vivo ci divertiamo a dilatare i brani e non c’è un concerto uguale all’altro. C’è il groove perché a me piace far ballare, per questo un anno fa ho voluto far aprire il concerto a dj rock. Il prossimo disco suonerà brit, e chiuderà la mia trilogia londinese. Io e Carlo Poddighe abbiamo cominciato a registrare le tracce nel suo studio a Brescia. Poi andremo a Manchester e a Londra: speriamo di lavorare con un celebre produttore inglese». Ha già collaborato con Noel Gallagher e Ian Anderson... «Ci saranno grandi ospiti anche stavolta. Sciacquerò i panni dal Mella al Tamigi». Ha appena dovuto spostare da novembre a gennaio il doppio concerto al circolo Magnolia di Milano per il Dpcm sul Covid. È di pochi giorni fa la manifestazione Bauli in Piazza: il momento è drammatico. «Sì: per tanti lavoratori, tante famiglie. Almeno nell’ultimo decreto si parla di spettacolo e cultura, non siamo più solo quelli che fanno divertire. Teniamo duro. Dalla sofferenza usciranno grandissimi album: il tempo e il dolore ispirano. Il rock resisterà». Il Brescia Calcio è come il rock di Neil Young che lei omaggia sempre a fine concerto con «Hey hey my my»? Era più di moda una volta, ma i tempi possono sempre cambiare... «Lunga vita al rock and roll e al Brescia. Quando ho visto la vostra pagina sul Dream Team di France Football con Baggio, Guardiola, Hagi e Pirlo sono impazzito. I gioielli di Gino... Il près Corioni è nel mio cuore. E speriamo che fra 10 anni France Football inserisca anche un quinto e un sesto giocatore del Brescia che verrà».

Gian Paolo Laffranchi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok