23 ottobre 2019

Spettacoli

Chiudi

19.09.2019

DAL WEB AL REALE ANDATA E RITORNO

Peppe ServilloCristiano De AndréFabrizio BossoBeppe SevergniniRita MarcotulliLa cantante Noa
Peppe ServilloCristiano De AndréFabrizio BossoBeppe SevergniniRita MarcotulliLa cantante Noa

«Era da un po’ che covavo questa idea di provare, una volta, a leggere io, nei teatri, Novecento. Dopo vent’anni di messe in scena, in ogni parte del mondo, con tutti gli stili, con artisti completamente diversi l’uno dall’altro, ho pensato che tornare un po’ alla voce originaria di Novecento potesse essere una cosa interessante, per me e per il pubblico. Un modo di riascoltare quella musica col sound che avevo immaginato per lei...». IL TEMPO È ORA: stasera sul palco del Teatro Sociale Alessandro Baricco aprirà la quattordicesima edizione del festival LeXGiornate, inaugurando un percorso artistico trasversale che anche quest’anno vedrà come epicentro la musica, spaziando attraverso incroci e sperimentazioni. Che caratterizzeranno anche «Pantera Beat», in scena domani, al Museo Mille Miglia (regia di Silvio Gandellini, protagonista Enrico Re). Sabato il Festival farà tappa in Piazza Loggia, dove protagonista sarà Cristiano De André, con il tour «Storia di un impiegato», l’epocale concept del padre Fabrizio riarrangiato in chiave rock, mentre domenica spazio all’Orchestra dei Cameristi della Scala, virando verso il Museo Mille Miglia, a sancire una collaborazione che si rinnova. Grande attesa per il concerto di Gino Paoli, che lunedì 23 festeggerà 85 anni sul palco del Teatro Sociale, mentre «Diciotto» è il titolo del nuovo concerto dell’Orchestra di Piazza Vittorio, protagonista a LeXGiornate martedì 24, nell’insolito e originale contesto della discarica Gedit di Calcinato. Ancora: mercoledì 25 il Festival ospiterà Beppe Severgnini, che al CSQ (Centro Stampa Quotidiani) di Erbusco presenterà «Diario sentimentale di un giornalista»; giovedì 26 al Caseificio Ambrosi di Castenedolo tempo di graditi ritorni, scanditi nella voce da premio Oscar di Noa, che per l’occasione si esibirà interpretando «Letters to Bach». Tra jazz e memorie (musicali) firmate Modugno l’appuntamento di venerdì 27, a Ghedi, nella cava Bernardelli, dove Peppe Servillo (voce), Javier Girotto (sax), Fabrizio Bosso (tromba), Furio Di Castri (contrabbasso), Rita Marcotulli (pianoforte) e Mattia Barbieri (batteria) si trasformeranno in «Uomini in frac», tributando il loro personalissimo omaggio al grande Domenico. Ultimo approdo sabato 28 al Museo Mille Miglia, con «The Game», concerto a sorpresa tutto da scoprire. Come ogni anno si riconferma poi l'atteso appuntamento con il format «Aspettando il concerto», ciclo di conferenze dedicato al tema del festival: «Musicalmente iperconnessi. La leggerezza del web, la solidità del mondo reale». Dal oggi a sabato 28, negli spazi dell’auditorium San Barnaba (sempre alle 18), si passeranno il testimone Umberto Galimberti e Paolo Crepet, Giulio Giorello e Duccio Demetrio, passando per Piergiorgio Odifreddi, Corrado Augias, Raffaele Morelli e Vito Mancuso (www.lexgiornate.com). •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok