23 febbraio 2020

Spettacoli

Chiudi

22.01.2020

Fabio Bongiorno, la tv
e oltre: «Io, showman
fra rock e lirica»

Il manager Andrea Silvestri, l’autore Andrea Amati e Fabio BongiornoMichelle Hunziker e lo showman bresciano a «All Together Now»
Il manager Andrea Silvestri, l’autore Andrea Amati e Fabio BongiornoMichelle Hunziker e lo showman bresciano a «All Together Now»

Elvis Presley, Jerry Lee Lewis, ma anche Gerry Scotti, Corrado, fino al più iconico tra i presentatori televisivi, Mike Bongiorno, che gli ha ispirato addirittura il nome d’arte. Attingere da tanti, dal rock’n’roll anni ‘50 fino allo spettacolo contemporaneo, per non assomigliare totalmente a nessuno. Perché Fabio Bongiorno, alter ego artistico del bresciano Fabio Pedrotti, è un personaggio che vuole modellare sé stesso solamente sulle proprie qualità. Ovvero: profonda voce da crooner con cadenza scevra di brescianità evidenti, impostazione levigata con anni di studio, «stage acting», presenza scenica e tenuta di palco a prova di tremarella. I BRIVIDI, a giudicare dalle reazioni degli osservatori, sono venuti a gran parte dei cento giurati del programma di Canale 5 «All Together Now» di fronte all’esibizione di Fabio sul pezzo «Whola Lotta Shakin’ Going On», proprio di Jerry Lee Lewis: da Cristiano Malgioglio, che ha osato addirittura abbozzare una richiesta di contatto telefonico, alle gemelle Provvedi e a Michelle Hunziker. Tanti sono stati scossi dallo «shaking», dal movimento del bacino di Fabio, avvolto da un abito che ne denota il bello stile: «Effettivamente, mi piace l’eleganza, sia nel vestire, ma soprattutto nei modi di fare», confida. Il video della sua esibizione, andata in onda il 4 dicembre, vola sui social con oltre 300mila visualizzazioni, ma Fabio si vede cucito addosso un abito più da showman a tutto tondo che da cantante. «Negli anni - racconta l’artista - ho studiato doppiaggio, dizione, e ho sempre avuto come cruccio quello di diventare un presentatore. Ho già avuto esperienze a livello nazionale, come il programma “La sfida dei cuochi”, andato in onda su La9. I miei modelli? Tra i contemporanei mi piacciono quelli posati come Carlo Conti o Amadeus, ma non mi dispiace nemmeno l’ironia casereccia di un Gerry Scotti. Mike Bongiorno per me resta un idolo senza tempo per la sua autoironia». L’ESIBIZIONE nell’episodio pilota di «All Together Now», però, mette in luce una predilezione evidente per la musica; dopo il singolo «Come un tango», scritto in collaborazione con Andrea Amati e uscito a maggio, l’idea di sbarcare nell’industria musicale non è tramontata: «Quell’esibizione mi sta portando tanta visibilità e mi sta aprendo tante porte - afferma Fabio - Mi piacciono ugualmente il rock’n’roll e il suo mito, Elvis Presley, ma anche la lirica con i vari Mario Lanza, Pavarotti, Il Volo. Trovo che anche il nostro Francesco Renga sia vocalmente grandioso. Io mi vedo come un artista completo. Da showman cerco di attingere da alcune personalità per far nascere un personaggio nuovo». Mentre il suo singolo attecchisce soprattutto in Russia, dove «si sa che amano la canzone italiana», Bongiorno promette che «presto saranno annunciate nuove collaborazioni e novità, rigorosamente tramite i miei canali Facebook e Instagram». L’immancabile sogno nel cassetto, per un metalmeccanico che, negli scorci di tempo libero, si diletta nel canto? «Lanciare un singolo di successo in Europa, o presentare un programma importante». Come direbbe Elvis, «good luck, Fabio». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Vincenzo Spinoso
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok