24 ottobre 2020

Spettacoli

Chiudi

29.02.2020 Tags: Teatro

«Prima della pensione» torna con la primavera

I protagonisti: Elena Bucci, Elisabetta Vergani e Marco Sgrosso
I protagonisti: Elena Bucci, Elisabetta Vergani e Marco Sgrosso

Tutto rinviato. Ma stavolta non a data da destinarsi. A seguito delle disposizioni emanate per la ben nota emergenza sanitaria, sono state annullate le rappresentazioni previste da ieri all’8 marzo al Teatro Mina Mezzadri, nell’ambito della rassegna «Brescia Contemporanea», di «Prima della pensione, ovvero Cospiratori» di Thomas Bernhard, prodotto dal Ctb, con Elena Bucci e Marco Sgrosso. Le recite saranno recuperate dal 27 aprile al 3 maggio (escluso il primo), al Teatro Sant’Afra (in vicolo dell’Ortaglia). I biglietti e gli abbonamenti restano quindi validi. L’invito che arriva dal Ctb è di contattare la biglietteria del Teatro Sociale a partire da martedì per definire data e modalità di recupero (via mail scrivendo a biglietteria@centroteatralebresciano.it; via telefono allo 030 2808600, dal martedì al venerdì dalle 16 alle 19, sabato e domenica dalle 15.30 alle 18). Nei prossimi giorni verranno rese note l’eventuale ripresa delle attività o la proroga della sospensione, oltre alle date e alle modalità di recupero degli spettacoli in programma dal 23 febbraio all’1 marzo e annullati. «PRIMA DELLA PENSIONE». In una casa austera, semibuia e impolverata, con finestre socchiuse verso un esterno che li affascina e spaventa con il suo continuo mutare, i fratelli Rudolf, Vera e Clara vivono prigionieri di riti e abitudini rigorose, che scandiscono il senso della loro esistenza e dei loro rapporti. Ogni 7 ottobre, anniversario del compleanno di Himmler, Rudolf, giudice del tribunale ormai prossimo alla pensione ed ex ufficiale delle SS, celebra regolarmente la ricorrenza più amata con una sontuosa cena, allestita con cura da sua sorella Vera, alla quale partecipa anche la glaciale e tagliente Clara, la sorella minore. Tra recriminazioni incrociate, agghiaccianti rievocazioni di memorie d’infanzia e di guerra, ridicole mascherate, brindisi spettrali e un sinistro album fotografico risfogliato nostalgicamente anno dopo anno, si consuma un gioco-rito fuori tempo tra tre dannati, che precipita verso un finale sospeso tra dramma e tragica ironia. Prodotta dal Centro Teatrale Bresciano, la «commedia dall’anima tedesca» è interpretata da Elena Bucci, Marco Sgrosso (che curano anche le scene e la regia) ed Elisabetta Vergani. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok