20 maggio 2019

Sport

Chiudi

18.04.2019

An Brescia, altra
prova di forza per
restare in vetta

L’attaccante biancazzurro Pietro Figlioli, protagonista di una tripletta contro Catania
L’attaccante biancazzurro Pietro Figlioli, protagonista di una tripletta contro Catania

L’An Brescia riprende il proprio cammino in campionato a spron battuto, travolgendo il malcapitato Catania sotto un’autentica valanga di gol. Pur presentando dieci giocatori a referto, all’assenza dell’infortunato Guerrato si aggiungono anche quelle di Muslim e Bertoli, la formazione di Sandro Bovo passeggia su quella siciliana. Per il gigante croato fatale è stato un attacco influenzale; a fermare il difensore d’origine partenopea, invece, una microlesione muscolare che ha spinto lo staff medico a tenerlo precauzionalmente a riposo. È una gara che non ha minimamente storia, quella giocata senza uno dei centroboa e due difensori, da parte di Presciutti e compagni, che interpretano al meglio il compito affidato loro dal loro tecnico, nonostante i soli due cambi in vasca. Dal canto suo, il Catania è apparso come il lontano parente della formazione vista a Mompiano: pur uscendo sconfitta all’andata, la formazione allenata da Giuseppe Dato aveva dato prova di resistenza e capacità di reazione. Pur giocando in casa i rossoblù hanno ha offerto una prestazione arrendevole, complice anche la prova del proprio portiere. Ci vuole un pallottoliere per tener conto di un risultato che ha visto l’An Brescia superare Ristievic almeno cinque volte a parziale. A segno tutti i giocatori, portieri esclusi, che si sono divisi invece a metà la difesa dei pali, giocando due tempi a testa. «Si vede che devo aver sbagliato qualcosa nella preparazione – osserva Alessandro Bovo-. Ero convinto di avere caricato di lavoro i ragazzi a dovere e di vederli stanchissimi in vasca, invece hanno sfoderato una prestazione nella quale si sono visti solo loro in acqua, dando vita ad una partita strana, per certi versi pure noiosa e poco indicativa per i test che dovremo affrontare in futuro. Unica nota degna di tale nome è il buon pressing in anticipo che siamo riusciti a provare».

IN CLASSIFICA non cambia nulla. Le prime tre galoppano, con An Brescia e Recco appaiate e lo Sport Management attardato di nove punti. L’andamento della gara è a senso unico, con Brescia che scarica una grandinata di reti sui malcapitati catanesi sin dal primo tempo. Scatenati, in tema di segnature, Vukcevic e Gallo con quattro gol, seguiti dalle triplette dei fratelli Presciutti, Figlioli e Nora. Ora la testa sarà proiettata alla doppia sfida con Recco della prossima settimana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fabrizio Vertua
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Brescia
67
Lecce
66
Palermo
63
Benevento
60
Pescara
55
Hellas Verona
52
Cittadella
51
Spezia
51
Perugia
50
Cremonese
49
Cosenza
46
Crotone
43
Ascoli
43
Livorno
39
Venezia
38
Salernitana
38
Foggia
37
Padova
31
Carpi
29
Brescia - Benevento
2-3
Carpi - Venezia
2-3
Crotone - Ascoli
3-0
Hellas Verona - Foggia
2-1
Lecce - Spezia
2-1
Padova - Livorno
1-1
Palermo - Cittadella
2-2
Perugia - Cremonese
3-1
Pescara - Salernitana
2-0
Cosenza - [ha Riposato]