13 luglio 2020

Sport

Chiudi

17.06.2019

Camozzi Open
americano Ratzlaff
e Kaiser senza rivali

La premiazione dal singolare maschile: il vincitore Casey Ratzlaff, a destra Martin Legner (foto Di Leo)
La premiazione dal singolare maschile: il vincitore Casey Ratzlaff, a destra Martin Legner (foto Di Leo)

La settima edizione del Camozzi Open parla americano. Casey Ratzlaff ed Emmy Kaiser, numeri uno dei tabelloni maschile e femminile, si aggiudicano come da pronostico il quarto memorial Cavalier Attilio Camozzi sui campi della Forza e Costanza di via Signorini. Il primo supera con un doppio 6-3 la leggenda Martin Legner, mentre la seconda s’impone per 6-0, 6-3 sull’azzurra di Sassari Marianna Lauro.

 

«UNA GRANDE edizione e complimenti ai vincitori – dice Lodovico Camozzi, presidente del gruppo omonimo -. Ho visto un grande livello di gioco e un clima ed un ambiente molto bello». Le parole di Lodovico Camozzi trovano riscontro nei numeri: «Abbiamo avuto 23 giocatori tra i primi cento del mondo e partecipanti da 25 paesi; un’organizzazione perfetta, un aiuto e impegno da parte delle istituzioni e dai sostenitori. Difficile non essere contenti e soddisfatti». Soddisfatto è soprattutto Casey Ratzlaff, vincitore a gennaio del torneo di Indian Wells sia in singolare che in doppio, al quale riesce il bis qui a Brescia contro un grande come Martin Legner, vincitore nell’edizione del 2014 e numero 34 al mondo. La giovane età (21 anni), il miglior ranking (28) e soprattutto la maggiore potenza di Ratzlaff si fanno sentire sin dai primi game (3-0 e break al secondo gioco). Ma Legner non si dà per vinto e cerca di anticipare i colpi dell’americano, venendo spesso vicino a rete per togliere il tempo al suo avversario. Soluzioni che permettono a Legner di avvicinarsi (5-3). Ma alla fine deve cedere il servizio al nono gioco e inchinarsi per 6-3. L’austriaco - vincitore del doppio con il tedesco Steffen Sommerfeld - parte meglio nel secondo set tanto da andare in vantaggio per 3-2, poi però lo statunitense ricomincia a spingere, infila 4 giochi di fila e chiude ancora per 6-3 in meno di un’ora di gioco (51’ per la cronaca).

 

È ALTRETTANTO veloce (54’) la finale femminile con vittoria di Emmy Kaiser. Il primo set è una passeggiata per la giocatrice di Cincinnati che lascia a Lauro 5 quindici prima di chiudere per 6-0 in 15’. Nel secondo la statunitense si complica la vita e non riesce a giocare come nel primo set. «Sono andata in confusione e ho iniziato a sbagliare – ammette Kaiser -. Per fortuna il black out è durato un paio di game». Diciamo cinque (2-3), poi la 29enne, numero 31 al mondo, reduce dalla vittoria a Baton Rouge, pian piano riprende confidenza con i suoi colpi migliori, annulla cinque palle break e va a vincere per 6-3.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Salvatore Messineo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Benevento
77
Crotone
58
Pordenone
55
Spezia
53
Cittadella
52
Frosinone
51
Empoli
48
Chievoverona
47
Salernitana
47
Pisa
46
Virtus Entella
43
Perugia
41
Cremonese
40
Pescara
40
Venezia
40
Ascoli
39
Juve Stabia
37
Trapani
34
Cosenza
31
Livorno
21
Ascoli - Salernitana
3-2
Benevento - Venezia
1-1
Chievoverona - Trapani
1-1
Cittadella - Crotone
1-3
Empoli - Frosinone
2-0
Juve Stabia - Virtus Entella
1-1
Livorno - Cremonese
1-2
Pescara - Perugia
2-2
Pordenone - Pisa
1-0
Spezia - Cosenza
5-1