16 luglio 2020

Sport

Chiudi

29.10.2019

«Ora dipende tutto da noi» È il momento di rialzarci»

Eugenio Corini, 49 anni:  il suo score stagionale con i biancazzurri è di 2 vittorie, un pareggio e 5 sconfitte
Eugenio Corini, 49 anni: il suo score stagionale con i biancazzurri è di 2 vittorie, un pareggio e 5 sconfitte

Il presente si chiama Inter. Il futuro è tutto da scrivere. Ma Eugenio Corini sa che la gara di stasera contro i nerazzurri sarà determinante per «il domani». Il suo, ma anche quello del Brescia. Il tecnico biancazzurro risponde con il consueto stile, mentre indiscrezioni riportano di un incontro tra il presidente Massimo Cellino e l’ex ct della nazionale Cesare Prandelli. La sconfitta subita contro il Genoa mette in discussione la sua posizione. «Sono i rischi del mestiere avendo accettato questo lavoro e questa sfida» spiega Corini, che poi si lancia con passo spedito verso l’Inter. «Mi concentro sulle cose che posso controllare e sulle quali ho l’occasione di lavorare. Il pensiero è indirizzato a come far rendere al meglio la mia squadra». I NUMEROSI infortuni, l’ultimo in ordine cronologico riguardante Chancellor («secondo prime indicazioni si tratta di uno stiramento al flessore, ma vedremo cosa dirà l’esame strumentale - prosegue nella sua analisi Corini -. Lo perdiamo per le prossime tre partite») - ma senza dimenticare Torregrossa, fermo da due mesi, e Dessena -, non aiutano i biancazzurri. Che non vengono aiutati nemmeno dal calendario. La gara rinviata con il Sassuolo è un «jolly» di cui tenere conto. E affrontare Juventus e Napoli prima della Champions League, a differenza di altre squadre che hanno incrociato le big dopo gli impegni europei, non ha portato a conquistare punti. A differenza di Lecce e Spal, che hanno invece mosso la classifica. L’Inter che arriverà stasera è forse l’avversario peggiore da affrontare. «Mi aspetto una squadra ancora più arrabbiata, perché non avendo superato il Parma ha mancato il sorpasso in vetta nei confronti della Juventus. Vorranno riprendersi i punti persi per strada, ma troveranno sulla loro strada una squadra altrettanto arrabbiata. Ognuno gioca per i propri obiettivi: loro vogliono vincere il campionato, noi dobbiamo lottare per la salvezza». LA SQUADRA è pronta a ripartire dopo la sconfitta contro il Genoa. «Abbiamo avuto un solo allenamento vero a disposizione, oltre alla rifinitura (in programma stamattina) perché siamo rientrati da Genova in tarda notte». Sull’ultima partita. «Riguardandola ho avuto la percezione di una squadra in controllo. Abbiamo avuto altre occasioni per essere pericolosi. Non ho visto un Genoa che ci stava schiacciando». Sul 2-1 ci si attendeva una reazione diversa. «Abbiamo subito il contraccolpo, ma la squadra ha provato a replicare. Resta il rammarico. Una volta subito l’1-1 avremmo potuto consolidare il pareggio e non pensare ad una vittoria sfumata. Perché anche un punto sarebbe stato importante». Sul tandem Balotelli-Donnarumma: «Hanno caratteristiche simili e ho già avuto modo di provarli in contemporanea - spiega l’allenatore del Brescia -. Però ci sono fattori da tenere in considerazione. È vero che i giocatori più bravi vanno fatti giocare, ma devono essere contestualizzati». E Balotelli come si è inserito nella squadra? «Mario è un giocatore molto importante per noi, ma deve avere la forza di contestualizzarsi al nostro modo di vedere il calcio. A lui chiedo solo cose normali dal punto di vista tattico. E poi, lo dice la storia, con me le punte hanno sempre segnato tanti gol». Contro l’Inter c’è una partita difficile, ma da provare a vincere. «Quando si perde nessuno è contento e capisco i tifosi che vivono per i risultati, ma sappiamo che la serie A è un campionato complicato. Soprattutto per chi deve salvarsi». Ma chissà che stasera non tocchi al Brescia emulare le dirette rivali e iniziare a strappare punti di prestigio. «Sarebbe ora anche per noi. Ce la metteremo tutta». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Alessandro Maffessoli
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Benevento
77
Crotone
61
Spezia
56
Pordenone
55
Frosinone
52
Cittadella
52
Salernitana
50
Empoli
48
Chievoverona
47
Pisa
47
Virtus Entella
44
Cremonese
43
Ascoli
42
Pescara
41
Venezia
41
Perugia
41
Juve Stabia
38
Trapani
37
Cosenza
34
Livorno
21
Ascoli - Empoli
1-0
Cosenza - Perugia
2-1
Cremonese - Chievoverona
1-0
Crotone - Pordenone
1-0
Frosinone - Juve Stabia
2-2
Livorno - Spezia
0-1
Salernitana - Cittadella
4-1
Trapani - Benevento
2-0
Venezia - Pescara
1-1
Virtus Entella - Pisa
1-1