21 maggio 2019

Sport

Chiudi

16.04.2019

Germani, sarà un ritorno al futuro Si ripartirà dal cuore azzurro

Tanti i nodi da sciogliere per i giocatori della Germani dopo la sconfitta nel derby con Cremona FOTOLIVE
Tanti i nodi da sciogliere per i giocatori della Germani dopo la sconfitta nel derby con Cremona FOTOLIVE

Per la Germani Brescia è venuto il momento di pensare al futuro: la sconfitta con Cremona (86-89), seconda consecutiva, ha di fatto chiuso i giochi per la qualificazione ai play-off, e se da un lato l’aritmetica ancora non condanna la Diana’s band a chiudere la stagione a Venezia in occasione dell’ultima giornata di campionato, gli ultimi risultati di fatto precludono qualsiasi discorso in ottica postseason. Con 4 partite alla fine, 2 in casa (Olimpia Milano e Virtus Bologna) e 2 fuori (Sassari e Venezia), con potenziale rischio di 0/4 considerando lo stato di salute da un lato del roster di Brescia e dall’altro le motivazioni di 4 formazioni che hanno ancora obiettivi aperti. TEMPO di programmazione in casa Brescia, perché aldilà delle parole di circostanza di Sandro Santoro e Andrea Diana, è venuto il momento di ragionare su quello che sarà il futuro della Leonessa: la stagione 2018/19 andrà agli archivi come quella della terza salvezza consecutiva in serie A (cosa mai successa prima), dell’esordio in Europa e dell’inaugurazione del PalaLeonessa. La stagione 2019/20 si preannuncia agguerrita: il passaggio a 18 squadre, l’arrivo di 3 club di un certo livello dall’A2, un numero di retrocessioni che potrebbe aumentare. Il primo passo sarà comprendere chi sarà il timoniere in casa Brescia: Andrea Diana ha ancora un anno di contratto, è amatissimo dalla piazza. Ma non è detto che resti lui in qualità di head coach; nel corso della stagione l’allenatore toscano è stato messo sulla graticola dalla proprietà, rischiando anche l’esonero. In tanti stanno proponendosi per il ruolo di Diana, senza dimenticare che vecchi pallini della coppia Bragaglio-Bonetti (Sandro Dell’Agnello, attuale coach della sorpresa Bergamo, o Eugenio Dalmasson, allenatore della neopromossa Trieste), o allenatori in cerca di nuovi stimoli (Frank Vitucci, alla guida di Brindisi, come Maurizio Buscaglia, coach di Trento) potrebbero liberarsi al termine della stagione. CHIUNQUE siederà in panchina, troverà (in linea teorica) una serie di italiani di valore: Luca Vitali, Brian Sacchetti, Awudu Abass e Marco Ceron sono sotto contratto, Andrea Zerini è in fase di rinnovo, Tommaso Laquintana è in odor di conferma. E SE IL PACCHETTO stranieri che si è alternato in questa stagione ha ricordato ai più anziani la coppia Dean Hunger–John Garrett, quella della retrocessione 1980/81, difficile pensare che ci possano essere grandi conferme: fatto salvo capitan David Moss (ancora sotto contratto con Brescia), gli altri giocatori non hanno lasciato tracce indelebili. Difficile ipotizzare un futuro al palaLeonessa per Hamilton, Cunningham (che ha un contratto oneroso) o Beverly (che potrebbe restare solo come centro di scorta). La società di via Bazoli dovrà operare in maniera molto attenta, con una campagna acquisti che deve portare a Brescia giocatori adatti alla A soprattutto alla voce pivot, ruolo in cui (ad esclusione del girone d’andata di Hunt dello scorso anno) Brescia ha sempre faticato a trovare giocatori di un certo livello. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Alberto Banzola
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Brescia
67
Lecce
66
Palermo
63
Benevento
60
Pescara
55
Hellas Verona
52
Cittadella
51
Spezia
51
Perugia
50
Cremonese
49
Cosenza
46
Crotone
43
Ascoli
43
Livorno
39
Venezia
38
Salernitana
38
Foggia
37
Padova
31
Carpi
29
Brescia - Benevento
2-3
Carpi - Venezia
2-3
Crotone - Ascoli
3-0
Hellas Verona - Foggia
2-1
Lecce - Spezia
2-1
Padova - Livorno
1-1
Palermo - Cittadella
2-2
Perugia - Cremonese
3-1
Pescara - Salernitana
2-0
Cosenza - [ha Riposato]