29 maggio 2020

Sport

Chiudi

30.10.2019

Balotelli, una notte
stregata. La rivincita
è solo sfiorata

Mario Balotelli e a terra Samir Handanovic con il pallone al sicuro tra le braccia. 
Il portiere dell’Inter è stato il migliore  FOTOLIVE / Filippo Venezia, Fabrizio Cattina, Alberto Mariani Un primo tempo complicato, con un solo tiro dalla distanza rimpallato per Mario Balotelli FOTOLIVE
Mario Balotelli e a terra Samir Handanovic con il pallone al sicuro tra le braccia. Il portiere dell’Inter è stato il migliore FOTOLIVE / Filippo Venezia, Fabrizio Cattina, Alberto Mariani Un primo tempo complicato, con un solo tiro dalla distanza rimpallato per Mario Balotelli FOTOLIVE

C’è l’Inter. E c’è anche lui. Balotelli diventò SuperMario, in nerazzurro. Balotelli ritrova un passato che ha già affrontato e battuto, ma senza mai segnare. Balotelli ci riprova con la maglia della squadra della sua città, i colori del cuore, e pazienza se la V quest’anno è più piccola, pazienza anche se l’avvio di stagione è stato così difficoltoso, così in salita. Arriva l’Inter e Mario è pronto, vorrebbe far gol, vuole far vedere a quegli ultrà che oggi lo fischiano che mica per caso c’era anche lui, nella squadra del Triplete. Era il 2010, sembra una vita fa, È da tanto che Mario aspetta la sua rivincita, contro i suoi ex tifosi. Ventotto gol in 86 partite, 6 titoli in 4 anni, una Champions League, 3 scudetti e una coppa Italia di cui fa anche capocannoniere: bilancio da campione, anche se il popolo interista non l’ha certo salutato con tutti gli onori. Poteva andare diversamente. Fasti che un segno l’hanno comunque lasciato, nelle bacheche e nell’immaginario collettivo. Ma questo Mario è così lontano da quello Super del tempo nerazzurro (e azzurro Italia) che fu? Da biancazzurro, chiamato a sfidare l’Inter come Davide Golia, è come se ripartisse da zero: 2 vittorie, un pareggio, 2 sconfitte. Gioca in casa, in una serata che vale prestigio e punti salvezza. Si mette lì nel mezzo, nel cuore dell’attacco. Dopo 5 minuti si fa trovare da un lancio di Cistana, si gira e allarga d’esterno per Mateju, scatta verso l’area aspettando un cross che arriva in ritardo. La voglia di colpire in Mario è tanta, così tanta da tirare in tutta fretta quando sarebbe stato meglio servire Romulo. Sul capovolgimento di fronte segna l’Inter, con un tiro di Lautaro deviato da Cistana, E intorno a Balo comincia il duello fra le curve. Quella interista lo insulta in vari modi, quella bresciana lo difende a squarciagola. Mario parla con Handanovic e si rivolge all’arbitro Fabbri. Non ci si abitua mai ed è umano, comprensibile, che sia così. IL CAMPO, intanto, dice Inter. E Mario si ribella. Va a prendersi un tiro dei suoi dal limite dell’area e Handanovic deve superarsi. Ci riprova da dentro l’area, ma trova una selva di gambe. Si arrabbia per una punizione fischiata contro, carica a testa bassa e con lui il Brescia. Ma l’Inter raddoppia, con una magìa di Lukaku. C’è ancora tempo ma c’è Handanovic, sulla strada di Mario, ed è ancora più Super di lui nel togliere dal sacco un pallone che pare già dentro. Sulla ribattuta altro tentativo e palla altissima, lontano dalla porta e dal sogno di una rivincita attesa anni. Quello che resta, dopo una rovesciata strozzata, è una sconfitta onorevole, lenita nel punteggio da un autogol di Skriniar. Con la sensazione amara che anche stavolta poteva andare diversamente. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Gian Paolo Laffranchi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Benevento
69
Crotone
49
Frosinone
47
Pordenone
45
Spezia
44
Cittadella
43
Salernitana
42
Chievoverona
41
Empoli
40
Virtus Entella
38
Pisa
36
Juve Stabia
36
Perugia
36
Pescara
35
Ascoli
32
Venezia
32
Cremonese
30
Trapani
25
Cosenza
24
Livorno
18
Benevento - Pescara
4-0
Chievoverona - Cosenza
2-0
Cittadella - Pordenone
0-2
Empoli - Trapani
1-1
Frosinone - Cremonese
0-2
Juve Stabia - Spezia
3-1
Perugia - Salernitana
1-0
Pisa - Livorno
1-0
Venezia - Crotone
1-3
Virtus Entella - Ascoli
3-0