24 aprile 2019

Sport

Chiudi

23.03.2019

Brescia in campo per rendere onore a due veri fuoriclasse

L’esterno dello stadio di Ospitaletto con l’intitolazione a Gino Corioni SERVIZIO FOTOLIVE / Filippo VeneziaAnnamaria e Fabio Corioni, Giovanni e Rosa Gozio dopo lo scoprimento delle targheIn mezzo applaude il sindaco di Ospitaletto Giovanni Battista Sarnico
L’esterno dello stadio di Ospitaletto con l’intitolazione a Gino Corioni SERVIZIO FOTOLIVE / Filippo VeneziaAnnamaria e Fabio Corioni, Giovanni e Rosa Gozio dopo lo scoprimento delle targheIn mezzo applaude il sindaco di Ospitaletto Giovanni Battista Sarnico

Come avere nella stessa squadra Pelè e Maradona, Messi e CR7. I fuoriclasse possono stare insieme, combattere per una causa comune. Eccome. Gino Corioni e Federico Gozio erano campionissimi di competenza calcistica e di umanità. Dirigenti che hanno lavorato per il bene di una intera comunità, spendendosi con generosità. Ieri l’amministrazione comunale di Ospitaletto, guidata dal sindaco Giambattista Sarnico, nell’intervallo dell’amichevole tra Brescia e Lugano, ha intitolato lo stadio a Corioni e l’antistadio a Gozio. LA MOTIVAZIONE sta tutta nella tribuna stracolma (almeno 2.500 persone) per testimoniare quale segno abbiano lasciato due dirigenti profeti non solo in patria: Corioni è ricordato ancora a Bologna, trascinato dalle soglie della Serie C ai quarti di Coppa Uefa, per non dire di Brescia, stimato da una maggioranza silenziosa che, appena può, gli rende omaggio; Gozio, da presidente dopo esserne stato vice, ha portato in C1 il Novara dopo 16 anni di tentativi falliti. Insieme hanno condotto l’Ospitaletto dalla Seconda alla C1, creando un vivaio che, negli anni ’80 e ’90, sfornava talenti su talenti. E anche chi non è arrivato al professionismo, dalla scuola Ospi è stato forgiato diventando uomo: «Tutti noi dobbiamo renderci conto di cosa hanno fatto queste persone per Ospitaletto - sottolinea monsignor Claudio Paganini -. La speranza è che ci sia qualcuno che possa fare altrettanto». Le targhe con le nuove denominazioni sono nascoste dal tricolore, scoperte da Annamaria e Fabio Corioni, moglie e figlio del pres; da Rosa e Giovanni Gozio, i figli di Federico. Nell’aria risuona l’inno di Mameli: «Questa tribuna piena è la migliore testimonianza di quanto fossero stimati mio papà e Federico Gozio - dice Fabio Corioni -. Gente di paese, mio papà era uno di paese. La mostra e l’intitolazione dello stadio vengono dal cuore». Non manca una punta polemica: «In 25 anni le istituzioni sono state fredde con il Brescia e la mia famiglia - le sue parole -. Ma è una bella giornata. Su questo campo, per colpa o per merito del calcio, ho provato le prime palpitazioni con il grande Ospitaletto». IN TRIBUNA tanti ex giocatori: del Brescia (Salvi, Filippini, Pellizzaro, De Paola) e dell’Ospitaletto (Farfaglia, Franchini, Borsi, Raineri, i fratelli Alberto e Omar Danesi). E Andrea Caracciolo, cui Giuseppe Taini, presidente dell’Ospitaletto che domani potrebbe festeggiare la promozione in Prima categoria, fa una proposta: «Abbiamo grandi progetti, la vogliamo qui». La risposta dell’Airone («Sono stanco, non so se ce la farò ancora») è preceduta dal commosso ricordo di Corioni: «Sono felice di celebrare il presidente e ricordare quello che ha dato al calcio». Giovanni Gozio, da papà Federico, ha ereditato il talento imprenditoriale (guida l’azienda di famiglia, specializzata in macchine transfer) e la passione per il calcio (è dirigente dell’Ospitaletto): «Mio padre e Corioni hanno un merito: prima tutti noi eravamo solo cittadini di Ospitaletto, grazie al calcio siamo diventai ospitalettesi». Potenza dei fuoriclasse. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Vincenzo Corbetta
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Brescia
63
Lecce
60
Palermo
57
Benevento
53
Pescara
50
Hellas Verona
48
Spezia
46
Cittadella
45
Perugia
45
Cremonese
42
Cosenza
42
Ascoli
42
Salernitana
38
Crotone
34
Venezia
33
Foggia
31
Livorno
31
Padova
26
Carpi
26
Ascoli - Venezia
1-0
Brescia - Salernitana
3-0
Carpi - Pescara
0-0
Cittadella - Cremonese
1-3
Cosenza - Spezia
1-0
Foggia - Livorno
2-2
Hellas Verona - Benevento
0-3
Palermo - Padova
1-1
Perugia - Lecce
1-2
Crotone - [ha Riposato]