30 marzo 2020

Sport

Chiudi

18.02.2020

Brescia, la chiave-salvezza: cosa vuoi fare di Balotelli?

Mario Balotelli, 29 anni, insieme a Daniele Dessena, 32: per l’attaccante del Brescia 5 reti in campionato
Mario Balotelli, 29 anni, insieme a Daniele Dessena, 32: per l’attaccante del Brescia 5 reti in campionato

Il tempo stringe, le possibilità di salvezza sono sempre più ridotte ma ci sono. Il Brescia, nella persona del suo allenatore Diego Lopez, deve prendere una decisione. Partendo da una domanda: quali sono i giocatori che, nelle condizioni giuste, possono incidere sul destino della squadra biancazzurra, in questo momento condannata alla Serie B? Il Brescia fa una fatica matta non solo a segnare ma a tirare in porta, nonostante abbia un giocatore che proprio nella conclusione potente ha la sua arma migliore. Questo giocatore si chiama Mario Balotelli, volenti o nolenti rimane la chiave per l’esito del campionato. Ma bisogna cambiare il modo di utilizzarlo, così non serve a nessuno, significa condannarlo alla solitudine sia come a Torino con la squadra in 10 sia affiancandogli giocatori inadeguati dal punto di vista tecnico. VEDERE BALOTELLI ripiegare a difendere, inseguire l’avversario deve essere l’eccezione, non la norma. A un attaccante - Dario Hubner docet - i compagni di squadra prima di tutto chiedono i gol. Ma bisognava saperlo fin dall’inizio che SuperMario è uno che va aiutato, supportato e sopportato se si vuole che la sua presenza abbia un senso. La squadra deve giocare per lui, non lui per la squadra. Vederlo inseguire gli avversari, respingere nella propria area i traversoni altrui (contro l’Udinese è successo 3 volte) può piacere a chi ritiene che basti l’impegno, anche senza concretezza, per apprezzare un giocatore. Giocatori come Ayé e Spalek non vanno rimproverati per la dedizione alla causa: danno tutto in ogni gara, ma non basta di fronte a mezzi tecnici e fisici inadeguati per la A. Balotelli, a Torino, è stato condannato alla solitudine sia per l’evidente disparità di valori tecnici in campo sia dopo che il Brescia è rimasto in 10. Il suo trotterellare stancamente per il campo non è piaciuto, la prova contro la Juventus è stata la peggiore della stagione. Ma crocifiggerlo, rinfacciandoli che un capitano deve dare l’esempio e altri stucchevoli moralismi del genere, a chi giova? Non certo alla causa del Brescia. Lopez in questo momento non ha altri attaccanti su cui fare affidamento: Torregrossa il più delle volte non c’è, vittima di infortuni ormai periodici. Donnarumma non c’è, punto. Si chieda, il capocannoniere uscente della Serie B, perché Corini e Lopez gli preferiscono Ayé, l’unico attaccante in Europa a secco di gol con più di 800 minuti giocati. E perché domenica, quando la gara era ancora in bilico, Lopez non abbia pensato a lui per mettere paura alla Juve in tono minore. SAREBBE fantastico che, venerdì sera contro il Napoli, Balotelli potesse pensare solo a fare gol, la squadra costantemente alta, i giocatori più capaci tecnicamente vicini a lui (Tonali in primis). Serve anche una punta che lo assista come si deve: Torregrossa lo ha sempre fatto, chissà se Donnarumma in settimana creerà i presupposti per essere chiamato vista anche la squalifica di Ayé. Il nodo rimane Balotelli. Da capitano ha maggiori responsabilità, che però sono anche dei compagni. Come dire: la fascia significa che è il giocatore più importante? Bene, allora va servito continuamente, messo in condizione di incidere davvero sulle partite. Con il Torino in caduta, la Sampdoria allo sfacelo, l’Udinese che non si stacca dalla zona calda, sarebbe un peccato mollare. La salvezza è ancora possibile. Volenti o nolenti, non passa da chi ha buona volontà e talento zero, ma da chi ha talento. Bisogna metterlo in grado di esprimerlo. Finora non è avvenuto. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Vincenzo Corbetta
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Benevento
69
Crotone
49
Frosinone
47
Pordenone
45
Spezia
44
Cittadella
43
Salernitana
42
Chievoverona
41
Empoli
40
Virtus Entella
38
Pisa
36
Juve Stabia
36
Perugia
36
Pescara
35
Ascoli
32
Venezia
32
Cremonese
30
Trapani
25
Cosenza
24
Livorno
18
Benevento - Pescara
4-0
Chievoverona - Cosenza
2-0
Cittadella - Pordenone
0-2
Empoli - Trapani
1-1
Frosinone - Cremonese
0-2
Juve Stabia - Spezia
3-1
Perugia - Salernitana
1-0
Pisa - Livorno
1-0
Venezia - Crotone
1-3
Virtus Entella - Ascoli
3-0