15 agosto 2020

Sport

Chiudi

10.07.2020 Tags: Brescia Calcio

Brescia, superare
se stesso per
rimanere tra le grandi

Alfredo Donnarumma, 29 anni: il Brescia si affida ai suoi gol per tentare la disperata impresa-salvezzaQuasi un balletto tra Stefano Sabelli e il goleador del Torino Andrea BelottiPer il Brescia 7 punti da recuperare sulla zona-salvezza in 7 giornate FOTOLIVE
Alfredo Donnarumma, 29 anni: il Brescia si affida ai suoi gol per tentare la disperata impresa-salvezzaQuasi un balletto tra Stefano Sabelli e il goleador del Torino Andrea BelottiPer il Brescia 7 punti da recuperare sulla zona-salvezza in 7 giornate FOTOLIVE

Recuperare 7 punti in 7 partite? Un miracolo, più che un obiettivo. Per colmare tutto quel margine sul Lecce, il Brescia dovrà fare qualcosa che in tutta la sua storia - e nella storia dei campionati da 3 punti a vittoria - non gli è mai riuscito. Ma quante chance ha realmente la squadra di Diego Lopez di giocare in Serie A anche la prossima stagione? Attenzione: a cose fatte, sperando che a quel punto il Brescia sia salvo, non si usi quest’analisi come dimostrazione del pessimismo cosmico della carta stampata. La salvezza è il sogno di tutti, la Serie A è un bene da difendere con ogni forza possibile. Però resta un dato di fatto: con queste premesse di classifica il Brescia non si è mai salvato. Di più. Il Crotone dei miracoli di Davide Nicola, la squadra che nel 2017 ha compiuto un recupero-capolavoro che ancora oggi viene ricordato, a questo stesso punto della stagione aveva soltanto 3 punti di ritardo dall’Empoli poi uccellato al fotofinish. PRIMA ANCORA di guardare al calendario (serve davvero guardarlo dopo il ko con il Torino, un vero e proprio scontro diretto?), è la storia a definire i giganteschi contorni della scalata che attende la squadra di Lopez. Nel 2011, anno dell’ultima retrocessione in Serie B, a 7 partite dalla fine il Brescia accusava un ritardo di soli 2 punti dal Cesena. Tutti sanno com’è finita, purtroppo. Nel 2005, la retrocessione successiva all’età dell’oro targata Baggio e compagnia, il ritardo dalla linea di galleggiamento a questo punto dell’anno era di 3 punti. Molto meglio è andata nelle stagioni delle salvezze consecutive (i cui campionati erano però a 18 squadre). Nel 2003-04 si godeva un vantaggio di 6 punti sul Modena. In quello precedente addirittura di 8 sull’Atalanta. L’anno della seconda salvezza, quella della partita decisiva in casa con il Bologna (era il famoso 5 maggio), il ritardo era di un punto soltanto. IL DATO storico giustifica il pessimismo dei tifosi. Se dopo il 2-0 nel derby contro il Verona la piazza era tornata sul possibilismo, dopo il 3-1 di Torino è salita la quota dei fatalisti. Al momento la matematica non condanna il Brescia, è un fatto, ma i punti a disposizione sono 21 e le prossime due sfide non augurano niente di buono. Roma e Atalanta sono due pessimi clienti. Lo erano nel girone d’andata, lo sono oggi. Ma contro di loro sarà obbligatorio vincere. Non basti questo, pur facendo 6 punti, il Brescia dovrebbe sperare in due ko consecutivi del Lecce, in questo momento quart’ultimo, contro Cagliari e Fiorentina. E anche ammettendo quelle sconfitte, rimarrebbe ancora dietro di un punto. Solo in questa remota ipotesi le due gare successive, con Spal e lo stesso Lecce (stavolta al «Via del Mare» mercoledì 22 alle 21.45), riacquisterebbero significato. È implicito, però, che da qui al prossimo poker di partite servono 4 successi consecutivi in Serie A. Siamo però alle solite. Nella A da tre punti il Brescia non ha mai vinto 4 gare di fila. Il record è tre (fissato il 22 settembre 2010) con Beppe Iachini in panchina. Gira e rigira la coperta è sempre troppo corta. L’impresa somiglia tremendamente a un miracolo e non ci sono santi a cui votarsi. Che Dio ce la mandi buona. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Alberto Armanini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Benevento
86
Crotone
68
Spezia
61
Pordenone
58
Cittadella
58
Chievoverona
56
Pisa
54
Frosinone
54
Empoli
54
Salernitana
52
Venezia
50
Cremonese
49
Virtus Entella
48
Trapani
48
Cosenza
46
Ascoli
46
Pescara
45
Perugia
45
Juve Stabia
41
Livorno
21
Ascoli - Benevento
2-4
Chievoverona - Pescara
1-0
Cosenza - Juve Stabia
3-1
Cremonese - Pordenone
2-2
Frosinone - Pisa
1-1
Livorno - Empoli
0-2
Salernitana - Spezia
1-2
Trapani - Crotone
2-0
Venezia - Perugia
3-1
Virtus Entella - Cittadella
2-3