22 aprile 2019

Sport

Chiudi

06.03.2019

«Caro Brescia,
ascoltami: la A
dipende solo da te»

Vittorio Mero, scomparso nel 2002 a 27 anni, in festa a CosenzaNedo Sonetti, 78 anni, festeggia la promozione in A a Cosenza con il portiere belga Gilbert Bodart, 56
Vittorio Mero, scomparso nel 2002 a 27 anni, in festa a CosenzaNedo Sonetti, 78 anni, festeggia la promozione in A a Cosenza con il portiere belga Gilbert Bodart, 56

Il primo e l’ultimo. Da allenatore Nedo Sonetti apre la sua lunga serie di trionfi a Cosenza, vincendo il girone C della Serie C2 nel ’79-80, e lo chiude con il Brescia nel ’99-2000. In 20 anni esatti altre 4 promozioni dalla B alla A con Atalanta (’83-84), Udinese (’88-89), Ascoli (’90-91) e Lecce (’98-99). La festa con il Brescia viene sigillata dal pareggio a Cosenza, contro l’avversaria di sabato. L’11 giugno 2000, per la Serie A, basta un punto. Finisce 2-2: «Di quel giorno a Cosenza ricordo la tensione - dice Sonetti, 78 anni, al telefono da San Vincenzo, la località marina in provincia di Livorno dove trascorre buona parte dell’anno -. L’attesa è febbrile, ma sappiamo che con un pari è fatta» Sonetti eredita quel Brescia dopo la preparazione estiva: «A Ferragosto sono al mare in Toscana e mi chiama Corioni. Mi dice: che fai lì? Vieni a Ospitaletto, ti devo parlare. Subito! La mattina dopo sono nel suo ufficio. Mi illustra la squadra, al momento non immagino che Baldini possa avere dei problemi. La rosa è ottima e può andare in A, dico al presidente. E lui: allora prendila in mano tu». Detto, fatto: «Ricordo benissimo la partita prima di Cosenza. Giochiamo contro l’Empoli a Mompiano e indovinate chi lo allena? Sì, proprio Silvio Baldini. Nel tunnel, prima di entrare in campo, mi fa i complimenti per essere riuscito a vincere con la squadra che, con lui l’anno prima, era rimasta in B. Un gesto che fa onore a Baldini». SONETTI è convinto fin dall’inizio che la rosa a disposizione può puntare in alto: «A fianco di Hubner, che segna 21 reti, lancio Emiliano Bonazzoli, che mi ripaga con 10 gol. E faccio debuttare in difesa un ragazzino di nome Bonera a fianco di un grande come Filippo Galli. In mezzo quei satanassi dei gemelli Filippini. E quando in novembre prendiamo Stroppa, completiamo l’opera». Nel Brescia ’99-2000 c’è anche Vittorio Mero: «Mi manca tanto ancora oggi - e Sonetti si commuove -. Sapete che è mio il soprannome di Sceriffo? Succede durante un allenamento. Gioca duro e picchia più del solito. A un certo punto interrompo la partitella e lo rimprovero: ué Sceriffo, stai calmo». Il Brescia arriva secondo con 63 punti, a pari merito con l’Atalanta di Vavassori e il Napoli di Novellino, dietro al Vicenza di Reja (67). A quota 62, prima delle non promosse, la Sampdoria di Ventura: «Un campionato equilibratissimo - ricorda Sonetti -, una promozione per nulla scontata. Peccato solo che Corioni, già prima di Cosenza, abbia deciso di prendere Mazzone per la Serie A. Sarebbe piaciuto anche a me allenare Baggio, Guardiola e compagnia. Ma al presidente voglio bene, anche se mi esonererà un’altra volta, dopo averlo portato nei play-off». ACCADE NEL 2008-09: Sonetti prende la squadra undicesima alla quinta giornata da Serse Cosmi e viene esonerato a 2 giornate dalla fine al 4° posto a favore di Alberto Cavasin, che perde la finale per la Serie A contro il Livorno dei gemelli Filippini. Sonetti è legato anche al Cosenza. Nel ’79-80 lo porta dalla C2 alla C1 «Con la squadra e i dirigenti facciamo un voto: in caso di vittoria del campionato saremmo andati a piedi al santuario di Paola, una trentina di chilometri da Cosenza. Così facciamo. Ma per giorni facciamo festa». E sulla sfida di sabato: «Il Cosenza in casa è duro per tutti, il Brescia è primo in classifica. La sconfitta con il Cittadella è solo un incidente. Corini non deve temere nessuno, la Serie A dipende solo dal Brescia». Parola di Nedo Sonetti, specialista in promozioni. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Vincenzo Corbetta
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Brescia
60
Lecce
57
Palermo
56
Benevento
50
Pescara
49
Hellas Verona
48
Spezia
46
Cittadella
45
Perugia
45
Cremonese
39
Cosenza
39
Ascoli
39
Salernitana
38
Crotone
34
Venezia
33
Foggia
30
Livorno
30
Padova
25
Carpi
25
Ascoli - Venezia
Brescia - Salernitana
Carpi - Pescara
Cittadella - Cremonese
Cosenza - Spezia
Foggia - Livorno
Hellas Verona - Benevento
Palermo - Padova
Perugia - Lecce
Crotone - [ha Riposato]