08 agosto 2020

Sport

Chiudi

02.07.2020 Tags: Brescia Calcio

Conte: «Attaccate me non i giocatori o il club»

Antonio Conte: un’Inter famelica e 3 punti fondamentali
Antonio Conte: un’Inter famelica e 3 punti fondamentali

MILANO Di solito basta un niente per fargli girare i cinque minuti. Una palla persa in uscita, un movimento sbagliato, una sovrapposizione mancata. Stavolta però la mezza occasione concessa a Donnarumma non riesce a rimanere sul gozzo nemmeno a un perfezionista ossessivo come Antonio Conte. Che incassa i 3 punti, resta in scia a Lazio e Juve e si gode un’Inter finalmente straripante. Quanto merito di un Brescia in versione sparring partner saranno i prossimi turni a dirlo. Per ora ci sono 6 gol a referto e una prestazione che si fa fatica a commentare prendendosi troppo sul serio. «Siamo assetati di punti», aveva detto alla vigilia l’ex ct della Nazionale. Evidentemente i suoi, dopo il mezzo passo falso con il Sassuolo e lo spavento di Parma, hanno capito l’antifona, disintegrando un avversario che ha fatto ben poco salvare il salvabile. «Siamo stati bravi a vincere, l’atteggiamento della squadra mi è piaciuto - il commento di Conte dopo la seconda vittoria in tre partite da quando si è rialzato il sipario sul campionato - Non abbiamo preso gol e ne abbiamo segnati tanti». Poi però c’è l’immancabile sassolino da levarsi dalla scarpa. «Ma di cose positive ce ne sono sempre state. Poi dipende se si vuole guardare il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto. Con l’Inter si guarda sempre il bicchiere mezzo vuoto e si creano problemi, ma per me non c’è nessun problema. Attaccate me piuttosto che i giocatori o la società». E a proposito di bicchiere mezzo vuoto, stona in una serata da indigestione di gol che non ci sia il nome di Lautaro nel tabellino. «Ma dal punto di vista dell’impegno non gli posso dire nulla - para il colpo Conte - Meritava di segnare per le occasioni che ha creato. Ma sono tranquillo. So di avere ragazzi a posto, dei professionisti, che vogliono bene all’Inter». SANCHEZ compreso. L’uomo in più in questo atipico finale di stagione? «È stato preso per darci qualità. Abbiamo fatto un percorso con Lukaku e Lautaro senza alternative, facendo giocare a volte Esposito che in Primavera giocava e non giocava. Ora Alexis sta bene. Non è ancora quello che ho ammirato in Inghilterra, ma è sulla strada giusta. Avere tre attaccanti mi fa stare più tranquillo. Dobbiamo finire la stagione nel migliore dei modi, poi tireremo le somme».

Luca Canini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Benevento
86
Crotone
68
Spezia
61
Pordenone
58
Cittadella
58
Chievoverona
56
Pisa
54
Frosinone
54
Empoli
54
Salernitana
52
Venezia
50
Cremonese
49
Virtus Entella
48
Trapani
48
Cosenza
46
Ascoli
46
Pescara
45
Perugia
45
Juve Stabia
41
Livorno
21
Ascoli - Benevento
2-4
Chievoverona - Pescara
1-0
Cosenza - Juve Stabia
3-1
Cremonese - Pordenone
2-2
Frosinone - Pisa
1-1
Livorno - Empoli
0-2
Salernitana - Spezia
1-2
Trapani - Crotone
2-0
Venezia - Perugia
3-1
Virtus Entella - Cittadella
2-3