20 gennaio 2021

Sport

Chiudi

26.11.2020 Tags: Brescia Calcio

Covid, il Brescia
resta a casa.
Ko 3-0 a tavolino. E sabato?

Andrea Papetti, difensore del Brescia, 18 anni, sale sul taxi a Torbole Casaglia.Jakub Labojko, centrocampista polacco del Brescia, sulla sua auto ieri al centro sportivo AGENZIA FOTOLIVEI biancazzurri ieri non sono andati a giocare ad Empoli AGENZIA FOTOLIVE/Fabrizio  CattinaDiego Lopez, allenatore del Brescia: ha 46 anni AGENZIA FOTOLIVE
Andrea Papetti, difensore del Brescia, 18 anni, sale sul taxi a Torbole Casaglia.Jakub Labojko, centrocampista polacco del Brescia, sulla sua auto ieri al centro sportivo AGENZIA FOTOLIVEI biancazzurri ieri non sono andati a giocare ad Empoli AGENZIA FOTOLIVE/Fabrizio CattinaDiego Lopez, allenatore del Brescia: ha 46 anni AGENZIA FOTOLIVE

Fuori senza giocare. Eliminato dalla Coppa Italia a tavolino. Un prezzo che il Brescia ha scelto di pagare nella convinzione di evitare così un danno più grave: una crescita esponenziale di contagi da Covid con inevitabili conseguenze sul campionato. Che rimane la priorità, dopo la salute. Il focolaio di Coronavirus di cui la società ha preso consapevolezza ha determinato una decisione sofferta: quella di non onorare l’impegno con l’Empoli, che ieri attendeva la squadra di Diego Lopez al «Castellani». La partita sarebbe dovuta iniziare alle 14.30, con diretta su Rai Play. Simone Romagnoli e compagni sono entrati in campo senza avversari e dopo i 45 minuti canonici d’attesa l’arbitro Ayroldi ha fatto risuonare il suo triplice fischio nello stadio vuoto. NIENTE PARTITA, sconfitta per 3-0, niente ottavi di finale a Napoli, possibile anche una multa da pagare. Nulla al confronto della preoccupazione suscitata dagli 8 casi di positività fra i giocatori, 9 contando un componente dello staff, che sarebbero stati riscontrati con i tamponi di lunedì, martedì e mercoledì. Il Brescia non ha comunicato il numero dei positivi. Il presidente Massimo Cellino ha chiarito definitivamente che la squadra non sarebbe partita per Empoli con un comunicato ufficiale solo alle 12.15: «A seguito dei tamponi effettuati nella giornata di martedì e ieri mattina, alcuni elementi del gruppo squadra sono risultati positivi. Pertanto, data la situazione, il club ha deciso di rinunciare alla trasferta di Coppa Italia al fine di evitare lo svilupparsi di un focolaio all’interno del gruppo squadra che potrebbe compromettere la continuazione del campionato». CELLINO non ha deciso ieri mattina, come dimostra anche la presenza dei giocatori al centro sportivo di Torbole Casaglia per l’allenamento. Sarebbe stato impossibile a quel punto raggiungere la Toscana in tempo per scendere in campo alle 14.30. La scelta è maturata nella notte fra martedì e mercoledì, quando il presidente dell’Empoli Fabrizio Corsi è stato avvertito dal collega e amico «a un orario molto particolare». Intanto in casa biancazzurra la conta dei positivi non può considerarsi conclusa, dal momento che i giorni di latenza del virus sono 4. In dubbio, adesso, la partita di campionato in cartellone dopodomani alle 14 al «Rigamonti» con il Frosinone. PER CHIEDERE il rinvio, la normativa sul Covid al punto 3 prevede che con più di 8 calciatori contagiati a 48 ore dalla gara si possa chiederne lo slittamento. La soglia di 9 è vicina. Il Brescia ha ancora un jolly da spendere perché il 25 ottobre non ha chiesto il rinvio del derby con la Cremonese per il caso di positività riscontrato nell’imminenza della partita: lo slittamento (all’8 dicembre) è stato determinato dall’applicazione del punto 2 del regolamento sul Coronavirus nel calcio, che considera «i casi riscontrati nelle 48 ore precedenti la gara»: non c’era il tempo materiale per effettuare un nuovo giro di tamponi, cosicché la Lega Calcio aveva preso atto e deliberato il rinvio. Ieri si sono allenati a Torbole Casaglia i portieri Joronen e Kotnik, i difensori Sabelli, Chancellor, Mangraviti e Mateju, i centrocampisti Van de Looi, Labojko, Jagiello, Bjarnason, Zmrhal e Spalek, gli attaccanti Ragusa, Torregrossa e Ayé. L’undici per affrontare il Frosinone ora come ora andrebbe scelto fra questi 15 uomini. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Gian Paolo Laffranchi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Empoli
37
Cittadella
33
Spal
32
Monza
31
Salernitana
31
Lecce
29
Chievoverona
28
Pordenone
27
Frosinone
26
Venezia
25
Pisa
23
L.r. Vicenza Virtus
21
Brescia
21
Cremonese
18
Reggina
17
Cosenza
16
Pescara
16
Reggio Audace
15
Virtus Entella
14
Ascoli
13
Chievoverona - Virtus Entella
2-1
Cittadella - Ascoli
1-0
Empoli - Salernitana
5-0
L.r. Vicenza Virtus - Frosinone
0-0
Monza - Cosenza
2-2
Pescara - Cremonese
0-2
Pisa - Brescia
1-0
Pordenone - Venezia
2-0
Reggina - Lecce
0-1
Spal - Reggio Audace
2-0