29 novembre 2020

Sport

Chiudi

23.10.2020 Tags: Brescia Calcio

Due lati della stessa medaglia. Anzi, quasi

Nikolas Spalek, 23 anni, slovacco: terza stagione nel Brescia FOTOLIVE
Nikolas Spalek, 23 anni, slovacco: terza stagione nel Brescia FOTOLIVE

Brescia e Cremonese sono due lati della stessa medaglia. Stesso sistema di gioco (il 4-3-1-2), stesse idee, stessa fame di punti dopo un avvio non del tutto convincente. A meno di sorprese tattiche - che nel caso specifico possono arrivare soltanto da Diego Lopez e non da Pierpaolo Bisoli - sarà una partita speculare, che potrà essere decisa nei tanti uno contro uno disseminati per il campo. Vantaggi tattici ne avrà forse più la Cremo del Brescia, per il semplice motivo di aver affrontato sempre e solo squadre che giocano con il 4-3-1-2 (Cittadella, Pisa, Venezia e Lecce). I biancoblù, come noto, sono invece passati da un cambio di tecnico e di modulo e potrebbero avere qualche difficoltà in più. IN COSTRUZIONE i grigiorossi impostano sempre partendo dal basso e si appoggiano su Terranova, centrale che gioca a testa alta. Il Brescia alterna la costruzione bassa al lancio lungo verso le punte. Ma la differenza più evidente sta nelle caratteristiche del trequartista. Nella Cremonese è Gaetano, dieci classico da giocata di fantasia e da assist per le punte. Un giocatore di costruzione, quindi, anche se mostra buona applicazione in fase difensiva col pressing sistematico sul regista avversario. Il trequartista del Brescia, invece, è Spalek, più un elemento di sostanza, di corsa, che di qualità. Le due punte grigiorosse saranno quasi certamente Ceravolo e Ciofani, non due bomber in senso stretto ma certamente esperti della categoria. Dopo aver annullato Stepinski, Coda e Djordjevic, Papetti è chiamato ad un’altra grande prestazione. La linea mediana è in tutto e per tutto simile a quella del Brescia. Valzania è l’incontrista classico. Alla Dessena, per intenderci. Deli (o in alternativa Pinato) è una classica mezz’ala che palleggia e si inserisce. Una sorta di Ndoj. Due invece le possibili scelte per il ruolo di playmaker. Gustafsson, più simile a van De Looi, è un calciatore d’ordine, che predilige la giocata corta e in orizzontale. Castagnetti, che potrebbe strappare la maglia da titolare, è invece più verticalizzatore. Come il Brescia, anche la Cremonese fatica a difendere le corsie per la fatica dei suoi interni a chiudere l’ampiezza. La difficoltà è sui cambi di gioco rapidi ma anche sulle sovrapposizioni terzino-ala. Un buon metodo potrebbe essere quello di attaccare alle spalle i due centrali difensivi, alti ma lenti. Lopez dovrà spingere Ayé e Donnarumma (o chi per loro) verso la profondità, arma che però fino a questo punto del campionato non ha funzionato. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Lecce
18
Empoli
18
Salernitana
17
Venezia
17
Frosinone
16
Spal
15
Cittadella
14
Chievoverona
14
Monza
13
Pordenone
12
Brescia
9
Cosenza
8
L.r. Vicenza Virtus
7
Reggina
7
Pisa
7
Reggio Audace
7
Ascoli
5
Virtus Entella
5
Pescara
4
Cremonese
3
Brescia - Frosinone
1-2
Chievoverona - Lecce
1-2
Cosenza - Salernitana
Empoli - L.r. Vicenza Virtus
2-2
Monza - Reggina
1-0
Pescara - Pordenone
0-2
Pisa - Cittadella
1-4
Reggio Audace - Cremonese
Venezia - Ascoli
2-1
Virtus Entella - Spal