29 novembre 2020

Sport

Chiudi

19.10.2020 Tags: Brescia Calcio

E grazie al made in Italy la difesa ha chiuso la porta

Stefano Sabelli: terzino destroMassimiliano Mangraviti: centraleAndrea Papetti: centrale
Stefano Sabelli: terzino destroMassimiliano Mangraviti: centraleAndrea Papetti: centrale

La fase difensiva sarà pure una questione di collettivo e non di reparto, come da anni vanno ripetendo a macchinetta allenatori e giocatori, ma al primo Brescia di Diego Lopez sembra sia bastato il rientro di Stefano Sabelli e Andrea Papetti, combinato alla contemporanea presenza di quattro italiani su quattro nella linea arretrata, per trasformare un colabrodo in una fortezza. Dalla gara con il Lecce, temutissimo spauracchio «coriniano», si è usciti con un clean sheet che profuma d’ottimismo. Erano 10 partite consecutive che la porta non restava inviolata. È successo in quella più a rischio e contro una delle squadre più propositive della categoria. Non un miracolo, certo, ma una conferma che questo Brescia, a pieno organico, può dire la sua. UNA DELLE CHIAVI di lettura più immediate della prestazione difensiva, per ovvi motivi, riguarda il rientro di Sabelli. Il terzino, che aveva saltato le prime due giornate di campionato per le note vicende di mercato e con l’Ascoli si era addirittura seduto a fianco del presidente Cellino, ha ripreso il suo posto a destra con naturalezza, come se nelle ultime settimane nulla fosse accaduto. E come per magìa tutto ha ripreso a girare. Non un pericolo in un lato del campo su cui insistevano Calderoni e Listkowski e verso cui Corini aveva rivolto particolare attenzione. Forse Sabelli ha giocato in modo atipico, meno propositivo di altre volte, ma ha dato prova di sostanza. La stessa sostanza messa in mostra da Papetti, ormai non più una scommessa ma una certezza di questo Brescia. Il modo in cui il diciottenne ha smacchiato Stepinski e Coda ha fatto drizzare le antenne a molti addetti ai lavori e ha strappato più di un sorriso a Cellino. Dividere il merito della prova difensiva solo fra Sabelli e Papetti sarebbe comunque ingeneroso nei confronti di Mangraviti e Martella, due che hanno dimostrato una qualità che gran parte della critica non era disposta a riconoscergli. Mangraviti ha sbrogliato situazioni complesse e, cosa più importante, ha mantenuto continuità di prestazione per tutta la partita. Ad onor del vero andrebbe segnalata la sua posizione sul gol di Meccariello, poi annullato. Ma una volta tanto è bene chiudere un occhio e dire grazie all’assistente. BENE, ANZI benissimo, Martella. Uno che nel solo secondo tempo ha piazzato nel cuore dell’area 5 cross con il contagiri. Una materia prima che nelle prossime settimane, dal rientro di Torregrossa per intendersi, potrà fruttare parecchi gol. L’italianità della difesa - senza nulla togliere a Chancellor e Mateju - è un fatto incontestabile. E in un reparto che necessità anche di comunicazione non si può certo ignorare. Come non si può ignorare il colosso Joronen alle spalle di tutta la baracca, uno che italiano non è ma ha imparato il lessico essenziale (parola più gettonata «ordine») per tenere le redini di un gruppo che ora sa di poter arrivare dovunque. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Lecce
18
Empoli
18
Salernitana
17
Venezia
17
Frosinone
16
Spal
15
Cittadella
14
Chievoverona
14
Monza
13
Pordenone
12
Brescia
9
Cosenza
8
L.r. Vicenza Virtus
7
Reggina
7
Pisa
7
Reggio Audace
7
Ascoli
5
Virtus Entella
5
Pescara
4
Cremonese
3
Brescia - Frosinone
1-2
Chievoverona - Lecce
1-2
Cosenza - Salernitana
Empoli - L.r. Vicenza Virtus
2-2
Monza - Reggina
1-0
Pescara - Pordenone
0-2
Pisa - Cittadella
1-4
Reggio Audace - Cremonese
Venezia - Ascoli
2-1
Virtus Entella - Spal