16 gennaio 2021

Sport

Chiudi

29.11.2020 Tags: Brescia Calcio

Finché regge la parità numerica la miglior prova della stagione

Una conclusione di Florian Ayé nel primo tempo
Una conclusione di Florian Ayé nel primo tempo

Di sicuro c’è stato un prima e un dopo, un pre e un post Bjarnason. Che si è beccato il primo giallo un minuto dopo essere entrato in campo e ha preso il secondo dopo altri 180 secondi di gioco. Curiosità. È la seconda volta che accade con questo arbitro, Antonio Giua di Olbia, protagonista di una situazione simile in Brescia-Cagliari dello scorso anno con Mario Balotelli cacciato per proteste dopo 7 minuti di gioco. FINO AL ROSSO il Brescia è stato in pieno controllo del risultato (il pareggio), seppur con qualche patimento nella prima parte della ripresa, in cui il Frosinone ha tirato verso la porta di Joronen 5 volte in 15 minuti. Dall’uscita di Bjarnason in avanti la partita è diventata un prevedibile e comprensibile assalto dei ciociari, poi concretizzato nell’1-2 di Parzyszek. Inutile discutere ora il rosso. Resta l’evidenza di un Brescia che in 11 contro 11 ha interpretato la gara meglio dell’avversario e in inferiorità numerica non è riuscito a difendere il punto. Nel primo tempo il 4-3-1-2 di Lopez ha surclassato il 3-4-1-2 di Nesta. Più passaggi (270-194), più precisione (84%-76%), più palloni toccati (358-273) e, soprattutto, più tiri (6-3, di cui 3-1 in porta) con un possesso di palla dominante (59%-41%). Al netto degli infortuni, dell’emergenza per la raffica di positività al Covid e della settimana particolare, il primo Brescia del sabato ha mostrato un netto miglioramento sul piano del gioco, delle idee e dell’organizzazione. Una volta di più si è riscoperta l’importanza di un giocatore come Torregorssa. Oltre a prendere una punizione dal limite (gran tiro di Jagiello), segnare il gol del pareggio e sfiorare quello del sorpasso, è stato una miniera d’oro di palloni addomesticati, gestiti e ingentiliti. L’ago della bilancia della partita offensiva del Brescia fino all’espulsione di Bjarnason. Con una parentesi «maradoniana» e il giallo per quel tocco malandrino con la mano. Che la partita sia stata condizionata dal rosso è un fatto ed è stato detto. Attenzione però all’analisi dei gol del Frosinone. Il sorpasso è arrivato sugli sviluppi di una palla inattiva, situazione che non contempla vantaggi o svantaggi per l’inferiorità numerica. Giusto una settimana fa Lopez ha sottolineato che le palle inattive non sono un optional e contano. Proprio per questo si doveva difendere meglio, senza lasciare che Ciano intervenisse con tanta disinvoltura, né che ci fosse tutta quella facilità nella conclusione di Parzyszek dopo la parata di Joronen. Sul vantaggio avversario, invece, c’è un concorso di colpa tra Mateju (che esce in corsia su Zampano) e Chancellor, che manca la misura dell’intervento difensivo. In percentuale un 30%-70%. L’evoluzione tattica della partita è stata obbligata. Dall’uscita di Bjarnason è passato al 4-4-1 (con Ragusa esterno sinistro) con il solo Torregrossa in avanti. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Alberto Armanini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Empoli
34
Cittadella
33
Monza
31
Salernitana
31
Lecce
29
Spal
29
Chievoverona
27
Pordenone
27
Frosinone
26
Venezia
25
Pisa
23
Brescia
21
L.r. Vicenza Virtus
20
Reggina
17
Cosenza
16
Pescara
16
Cremonese
15
Reggio Audace
15
Virtus Entella
14
Ascoli
13
Chievoverona - Virtus Entella
2-1
Cittadella - Ascoli
1-0
Empoli - Salernitana
L.r. Vicenza Virtus - Frosinone
0-0
Monza - Cosenza
2-2
Pescara - Cremonese
Pisa - Brescia
1-0
Pordenone - Venezia
2-0
Reggina - Lecce
0-1
Spal - Reggio Audace