19 aprile 2019

Sport

Chiudi

04.03.2019

Il Brescia deve
ritrovare la
sfrontatezza perduta

La preoccupazione di Eugenio Corini, 48 anni, allenatore del BresciaAlfredo Donnarumma non trova spazio nel duello con un difensore del CittadellaIl bomber, non al massimo fisicamente, è all’asciutto da due giornate FOTOLIVELa conclusione di Di Gaudio che regala il successo al Verona
La preoccupazione di Eugenio Corini, 48 anni, allenatore del BresciaAlfredo Donnarumma non trova spazio nel duello con un difensore del CittadellaIl bomber, non al massimo fisicamente, è all’asciutto da due giornate FOTOLIVELa conclusione di Di Gaudio che regala il successo al Verona

Il Brescia ha rallentato: una sola vittoria nelle ultime 4 giornate. C’entrano la stanchezza, la disabitudine all’alta classifica, soprattutto il mutato atteggiamento in campo. Il Brescia non osa più come prima. Nelle ultime gare (Palermo, Padova, Cittadella) lo ha fatto in svantaggio. Solo con il Crotone, totalmente rinunciatario (strano per un allenatore come Stroppa), ha mantenuto il controllo, pur privo di 6 titolari. Col Cittadella, invece, per un’ora è stato dominato schierando l’undici-tipo. Segnali chiari. DA QUANDO ha conquistato la vetta (10 febbraio, 3-1 al Carpi) il Brescia aspetta gli avversari, dà segni di risveglio solo dopo lo svantaggio. È accaduto a Palermo, a Padova e sabato contro il Cittadella. A Palermo c’è stato il forfait in extremis di Donnarumma e Torregrossa ha giocato nonostante la debolezza per la febbre dei giorni precedenti. Per 80 minuti il Brescia è stato in balia dell’avversario, pur concedendogli il minimo sindacale: una traversa colpita da Falletti e 2-3 mischie davanti ad Alfonso. Solo dopo che ha preso il gol di Nestorovski, a 11 minuti dalla fine, Corini ha rinforzato il reparto avanzato con Tremolada e Rodriguez. Il risultato: 2 occasioni clamorose (Morosini e Rodriguez) e il pari di Tremolada. Tutto in un quarto d’ora: avesse osato prima? A Padova il Brescia in avvio ha concesso campo (e, peggio, coraggio) al fanalino di coda, che più spuntato non potrebbe essere, tanto da non essere andato ieri oltre lo 0-0 interno col Crotone, per più di mezz’ora in 10. Ha fatto notare la differenza di classifica solo dopo essere andato sotto. La reazione è stata veemente e l’ex Minelli, già decisivo su Romagnoli poco prima dell’1-0, è diventato assoluto protagonista con interventi mirabolanti. Ma dopo il pareggio di Ndoj il Brescia non è più riuscito a creare altre occasioni. Contro il Cittadella la squadra di Corini è stata in apnea per l’intero primo tempo. Pur nella giornata meno brillante della stagione, quando ha spinto ha creato 3 nitide occasioni. E la scintilla è scoccata con l’inserimento di un trequartista vero, Tremolada, al posto di Spalek. Questo significa che la squadra, anche se non è al 100 per cento, se attacca, se prende in mano la gara, sa creare pericoli. È la via per tagliare il traguardo sospirato da tutti, non ce ne sono altre. L’attendismo non paga. VERO, ci sono giocatori che non sono nella condizione del recente passato. E pesa non poco la disabitudine all’alta classifica. Ma il mercato di gennaio, che doveva garantire ricambi adeguati, non sta aiutando Corini. Giocano sempre gli stessi. Dessena, Martella e Rodriguez, finora, non sono stati utilizzabili con quella continuità auspicabile vista l’esiguità della rosa in partenza. In primis va ritrovata la sfrontatezza. La sconfitta di Venezia, datata 24 novembre, è rimasta isolata per questo: il Brescia perse prendendo 2 gol in contropiede e non rinunciando mai a essere propositivo. Infatti, nelle successive 13 giornate, il ruolino parla di 8 vittorie e 5 pareggi. A furia di non osare si subisce di più e si vince di meno. Postilla. Il Brescia che dominava non aveva modo di lamentarsi degli arbitraggi. Nella versione più timorosa, sì. Sarà un caso? • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Vincenzo Corbetta
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Brescia
60
Lecce
57
Palermo
56
Benevento
50
Pescara
49
Hellas Verona
48
Spezia
46
Cittadella
45
Perugia
45
Cremonese
39
Cosenza
39
Ascoli
39
Salernitana
38
Crotone
34
Venezia
33
Foggia
30
Livorno
30
Padova
25
Carpi
25
Benevento - Palermo
1-2
Crotone - Cremonese
0-0
Lecce - Carpi
4-1
Livorno - Brescia
0-1
Padova - Cosenza
0-0
Pescara - Perugia
1-1
Salernitana - Cittadella
4-2
Spezia - Ascoli
3-2
Venezia - Foggia
1-0
Hellas Verona - [ha Riposato]