11 agosto 2020

Sport

Chiudi

13.07.2020 Tags: Brescia Calcio

Il Brescia non
ha più ripresa:
dopo l’intervallo resta ai box

L’uruguayano Diego Lopez, 45 anni: alla guida del Brescia ha ottenuto 6 punti in 10 partiteEugenio Corini: ha 49 anniFabio Grosso: ha 42 anniLa rabbia di Sandro Tonali, 20 anni, e  Stefano Sabelli, 27, dopo il ko con la RomaDomani sera il Brescia è chiamato al derby di Bergamo contro l’Atalanta FOTOLIVE
L’uruguayano Diego Lopez, 45 anni: alla guida del Brescia ha ottenuto 6 punti in 10 partiteEugenio Corini: ha 49 anniFabio Grosso: ha 42 anniLa rabbia di Sandro Tonali, 20 anni, e Stefano Sabelli, 27, dopo il ko con la RomaDomani sera il Brescia è chiamato al derby di Bergamo contro l’Atalanta FOTOLIVE

Vincenzo Corbetta Calcisticamente parlando non c’è niente di peggio che illudersi, pensare che si è imboccata la strada giusta e venire delusi con impietosa regolarità. Questo capita ai tifosi del Brescia da quando il campionato ha ripreso dopo la pandemia. La squadra di Diego Lopez inizia bene, pone le basi per un risultato positivo. Non viaggia a velocità da Formula 1 (è penultima mica per nulla) però tiene botta agli avversari, Inter a parte (l’Inter di questi tempi!). Ma dopo l’intervallo è come un’auto che resta ferma ai box, che non riprende il Gran Premio. Il motore è grippato, le accelerazioni sono minime per non dire nulle. Non ha ripresa. i numeri. Nelle 6 sfide fra il debutto post-lockdown contro la Fiorentina e la gara di sabato contro la Roma, il Brescia a fine primo tempo ha messo insieme 9 punti, alla media di 1.5 a partita: 2 vittorie (Genoa e Torino), 3 pareggi (Fiorentina, Verona, Roma), un solo ko (Inter). Se spalmato su 32 giornate, è un cammino alla... De Zerbi. Farebbero 48 punti, contro i 46 del Sassuolo guidato dal tecnico di Mompiano. Ma quando inizia il secondo tempo, sono dolori: soltanto 4 punti frutto dei 3 contro il Verona (ed è stato anche successo finale, 2-0, l’unico della gestione Lopez) e uno contro la Fiorentina. Domani sera a Bergamo c’è il derby contro l’Atalanta, che molto spesso emerge alla distanza come confermano le ultime giornate: contro la Lazio (da 1-2 a 3-2) e la Sampdoria (da 0-0 a 2-0). E con la Juventus, sabato, solo 2 rigori le hanno impedito il colpo che l’avrebbe lanciata addirittura in orbita-scudetto. Questi crolli alla distanza, visti dalla tribuna e dalla televisione, più che a un fattore atletico sembrano dovuti a motivi psicologici. Evidente che il Brescia, dopo aver prodotto notevoli sforzi, non riesca più a trovare la forza, fisica ma soprattutto interiore, per rimettersi in carreggiata. Non è un caso che, dalla ripresa del campionato, non sia mai riuscito a rimontare da situazioni di svantaggio. AL CONTRARIO, con impeto masochistico degno di miglior causa, continua a gettare alle ortiche punti su punti quando è in vantaggio: sono 34, 22 dei quali con la doppia gestione Corini e 12 con Lopez. Il migliore è Grosso ma è presto detto: nelle sue 3 partite (Torino, Roma, Atalanta: giusto un girone fa) il Brescia non è stato in grado di segnare lo straccio di un golletto. Rimangono 6 partite da giocare e farsi ulteriori illusioni non è più ammissibile: fa male alla salute. Non ci sono lo spazio e la fede, non c’è l’appiglio per pensare a un miracolo, soprattutto pensando al derby di domani sera, a quel che hanno costruito i cugini, andati oltre la loro storia di presenza stabile in A. Il Brescia, invece, è nel solco della tradizione: una comparsata tra le grandi, l’ascensore per tornare immediatamente al piano di sotto, a casa sua, la Serie B di cui detiene il record italiano di partecipazioni (61). Così è se vi pare. Purtroppo. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

LO DICONO
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Benevento
86
Crotone
68
Spezia
61
Pordenone
58
Cittadella
58
Chievoverona
56
Pisa
54
Frosinone
54
Empoli
54
Salernitana
52
Venezia
50
Cremonese
49
Virtus Entella
48
Trapani
48
Cosenza
46
Ascoli
46
Pescara
45
Perugia
45
Juve Stabia
41
Livorno
21
Ascoli - Benevento
2-4
Chievoverona - Pescara
1-0
Cosenza - Juve Stabia
3-1
Cremonese - Pordenone
2-2
Frosinone - Pisa
1-1
Livorno - Empoli
0-2
Salernitana - Spezia
1-2
Trapani - Crotone
2-0
Venezia - Perugia
3-1
Virtus Entella - Cittadella
2-3