19 aprile 2019

Sport

Chiudi

26.03.2019

Il ct Rossi fa grande l’Ungheria «Così ho battuto la Croazia»

Marco Rossi, 54 anni, ex terzino del Brescia e ct dell’Ungheria
Marco Rossi, 54 anni, ex terzino del Brescia e ct dell’Ungheria

No, in Ungheria uno che di cognome fa Rossi non può essere uno qualunque. Non può diventare uno dei tanti come in Italia, a meno che non si chiami Paolo o Valentino, e allora la fama planetaria è assicurata. In Ungheria Marco Rossi è molto più un’istituzione. Chissà se lo soprannominano Brontolo come ai tempi di Brescia, terzino sinistro di fisico imponente e tecnica non banale, 165 presenze e 10 reti tra l’88 e il ’93, la promozione in A con Mircea Lucescu nel ’91-92. Di sicuro, dopo la vittoria per 2-1 sulla Croazia vice campione del mondo nella seconda gara di qualificazione agli Europei, è al massimo del gradimento tra gli appassionati di calcio magiari: «Allenare la Nazionale dell’Ungheria è un punto d’arrivo, un sogno che si è realizzato - assicura Rossi, 54 anni, senza voce il giorno dopo la partita -. Abbiamo iniziato la ricostruzione in settembre. Non siamo una squadra giovanissima, ho una rosa che è un mix di vari campionati esteri, soprattutto Bundesliga, ragazzi del ’95-96». Il più promettente gioca in Austria, è un centrocampista ed è del 2000: «Szoboszlay è una colonna del Salisburgo, ha una personalità forte e una sfrontatezza incredibile per uno che ha meno di 20 anni. A parte l’anno di nascita, ha proprio questo in comune con Tonali del Brescia: fa giocate mai banali, anche a costo di rischiare qualcosa». E con questo bel mix l’Ungheria di Rossi ha sconfitto nientemeno che la Croazia vice campione del mondo: «Per riuscire in un’impresa del genere bisogna che tu faccia la partita perfetta e gli avversari incappino in una serata storta. Proprio questo è successo. Noi siamo stati bravi ad approfittare della giornata storia di uno squadrone». LA CROAZIA a Budapest non era imbottita di riserve: c’erano Modric e Rakitic, cervelli di Real Madrid e Barcellona, gli interisti Perisic e Brozovic. E al centro dell’attacco l’inossidabile Rebic dell’Eintracht Francoforte, autore del vantaggio croato ribaltato da Szalai, punta dell’Hoffenheim, e dal centrocampista Patkai, che gioca in patria al Videoton: «Due tra i più esperti: uno è dell’87, l’altro dell’88 - dice Rossi -. Abbiamo perso la prima gara in Slovacchia per 2-0, ma meritavamo almeno il pari per gioco e occasioni. Stavolta siamo stati premiati anche dal risultato e così le possibilità di qualificarci all’Europeo del prossimo anno restano intatte». Nel secondo tempo Rossi ha inserito la punta Roland Varga, 29 anni, 2 presenze in B con il Brescia dell’ultima promozione in Serie A, nel 2009-10: titolare alla prima giornata col Cittadella, battuto per 1-0 con una punizione di Bega, nella seconda a Crotone (0-0, con rigore parato da Arcari a Bonaiuto) subentrò nel finale al connazionale Vass: «Un buon giocatore, sta facendo ottimi campionati». In quello attuale, con il Ferencvaros (dove gioca un altro ex biancazzurro, Davide Lanzafame), ha segnato 10 reti in 23 partite. «Voglio riportare l’Ungheria in alto - ribadisce Rossi -. Qui, dopo lo scudetto con l’Honved, sono stimatissimo. Ma da ct la pressione è enorme. Gli ungheresi con chi allena la Nazionale non sono meno esigenti degli italiani». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Vincenzo Corbetta
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Brescia
60
Lecce
57
Palermo
56
Benevento
50
Pescara
49
Hellas Verona
48
Spezia
46
Cittadella
45
Perugia
45
Cremonese
39
Cosenza
39
Ascoli
39
Salernitana
38
Crotone
34
Venezia
33
Foggia
30
Livorno
30
Padova
25
Carpi
25
Benevento - Palermo
1-2
Crotone - Cremonese
0-0
Lecce - Carpi
4-1
Livorno - Brescia
0-1
Padova - Cosenza
0-0
Pescara - Perugia
1-1
Salernitana - Cittadella
4-2
Spezia - Ascoli
3-2
Venezia - Foggia
1-0
Hellas Verona - [ha Riposato]