07 luglio 2020

Sport

Chiudi

05.11.2019

Per l’esonero una
riga senza
ringraziamenti

Il comunicato dell’esonero di Corini sul sito ufficiale del Brescia
Il comunicato dell’esonero di Corini sul sito ufficiale del Brescia

«La Società Brescia Calcio comunica l’esonero del tecnico Eugenio Corini». Una riga secca, che risalta ancora di più nel bianco opaco dello schermo del computer. Niente di più, evidentemente, meritava l’allenatore della promozione in Serie A. In questi casi, alla notizia del licenziamento, un club aggiunge la formula di rito dei ringraziamenti per il lavoro svolto e l’augurio di migliori fortune per carriera e vita privata. Per Corini nulla di nulla. Li avrebbe meritati come nessuno per la professionalità, per la passione, per l’onestà intellettuale e il rispetto che ha sempre mostrato nei confronti di chi lavora - anche di chi racconta quotidianamente il Brescia -, dei giocatori, della città e dei tifosi. Invece, no. Tutto in una riga. Sarà stata la fretta, il momento concitato, l’ora: il comunicato è delle 23.32 di domenica sera, ma a quell’ora la notizia dell’esonero era già negli articoli, nei titoli di prima pagina e non solo. Da imminente, è diventato certo. Domenica, in casa Brescia, si sono intrecciate la questione dei cori razzisti verso Balotelli, con la gara sospesa per 4 minuti dall’arbitro Mariani di Aprilia dopo il gesto di Mario nei confronti della curva del Verona e il pallone scagliato con rabbia verso gli spalti gridando «ora basta!» e la questione tecnica. Troppo, forse, per la Società Brescia Calcio. CHE CORINI fosse al capolinea si sapeva con certezza già dal triplice fischio del direttore di gara. E anche nel momento più duro di tutto, il bagnolese non si è smentito e, mostrando grande rispetto verso i mezzi di informazione, è venuto in sala stampa a parlare, a rispondere alle domande sulla squadra in crisi, su Balotelli, soprattutto sulla sua posizione, sulla panchina che ormai non era più sua. Qui non si critica l’esonero in sé (ognuno ha la sua opinione), ma la modalità. Lo sport e l’agonismo sono fatti di uomini, sentimenti, sensibilità diverse. Corini andava trattato almeno come la formula di prammatica di ringraziamenti e auspici per il futuro professionale e non. Sarebbe stato il minimo. E quel comunicato avrebbe dovuto rendere almeno la difficoltà di un provvedimento del genere. Invece, una riga secca. E stop. No, Corini non lo meritava. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

V.C.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Benevento
76
Crotone
55
Cittadella
52
Pordenone
52
Frosinone
51
Spezia
50
Salernitana
47
Chievoverona
46
Pisa
46
Empoli
45
Virtus Entella
42
Perugia
40
Pescara
39
Venezia
39
Cremonese
37
Ascoli
36
Juve Stabia
36
Trapani
33
Cosenza
31
Livorno
21
Cosenza - Ascoli
0-1
Cremonese - Pescara
1-0
Crotone - Benevento
3-0
Frosinone - Spezia
2-1
Perugia - Pordenone
1-2
Pisa - Cittadella
2-0
Salernitana - Juve Stabia
2-1
Trapani - Livorno
2-1
Venezia - Empoli
0-2
Virtus Entella - Chievoverona
1-1