02 luglio 2020

Sport

Chiudi

27.06.2020 Tags: Brescia Calcio

«Per tutti una gara molto importante e noi ci siamo»

Davide Nicola: ha 47 anni
Davide Nicola: ha 47 anni

Quelli con Brescia e il Brescia sono stati spesso incroci decisivi per la carriera da allenatore di Davide Nicola. In provincia, a Lumezzane, è passato dal campo alla panchina, con Leonardo Menichini (storico vice di Carletto Mazzone) come mentore, Renzo Cavagna presidente e Luca Nember direttore sportivo. Contro il Brescia di Calori, nel 2013, a Livorno, ha vinto la semifinale dei play-off che gli ha poi spianato le porte della Serie A. Ora lo ritrova in una sfida chiave per la salvezza. Ecco le sue parole ai microfoni di Sky Sport. Nicola, il suo collega Diego Lopez ha definito la partita contro il Genoa una finale. È così anche per voi? Di certo è una partita importantissima. Però vale tre punti come le altre. Vista la classifica credo che sia importante per noi e anche per il Brescia. Ma a me interessa il Genoa. Durante la sua gestione sono arrivati 14 punti in 11 gare, un ruolino che permette al Genoa di essere virtualmente salvo. Eravamo sepolti dalla nostra condizione di classifica ma attraverso il duro lavoro siamo arrivati a far vedere di essere competitivi. Il primo step lo abbiamo passato: dovevamo giocare, abbiamo visto quello che manca e su questo dobbiamo lavorare. Venite da una sconfitta interna molto pesante. Ci ha fatto arrabbiare moltissimo, è giusto che sia così. Non siamo riusciti a fare quello che volevamo, ma abbiamo avuto la consapevolezza che ora sappiamo dove dobbiamo migliorare e dobbiamo farlo velocemente. Però dev’essere una rabbia costruttiva. Il ko con il Parma ha lasciato strascichi? Non dobbiamo drammatizzare, giocando ogni 3 giorni bisogna porre la giusta attenzione e fare sempre un’analisi lucida. Dobbiamo ritrovare il ritmo: uno stop così lungo ha inciso su chiunque. Ma la condizione è questa e dobbiamo farci trovare pronti. Queste partite sono importanti: da un lato tutto è ancora in gioco e dall’altro non c’è il solito spazio da una settimana all’altra. Nei giorni scorsi si è parlato dell’impatto delle porte chiuse sul campionato. Esiste ancora il fattore campo? Non c’è più il fattore tifo. Non piace a nessuno, ma è la realtà che viviamo. Bisogna raggiungere ciò che vogliamo adattandoci a tutte le condizioni. Contro il Brescia prevede molto turnover? Da qui alla fine ci sarà la possibilità di contare su tutta la rosa. Sono convinto che un gruppo diventi davvero forte quando tutti i suoi componenti hanno la possibilità di sentirsi utili.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Benevento
76
Crotone
52
Cittadella
52
Spezia
50
Pordenone
49
Frosinone
48
Chievoverona
45
Salernitana
44
Pisa
43
Empoli
42
Virtus Entella
41
Perugia
40
Venezia
39
Pescara
39
Juve Stabia
36
Cremonese
34
Ascoli
33
Cosenza
31
Trapani
30
Livorno
21
Ascoli - Crotone
1-1
Benevento - Juve Stabia
1-0
Chievoverona - Frosinone
2-0
Cittadella - Perugia
2-0
Cosenza - Trapani
2-2
Livorno - Venezia
0-2
Pescara - Empoli
1-1
Pordenone - Virtus Entella
2-0
Salernitana - Cremonese
3-3
Spezia - Pisa
1-2