23 ottobre 2020

Sport

Chiudi

21.09.2020 Tags: Brescia Calcio

Striscione in omaggio all’ex capitano Caracciolo

Lo striscione esposto per il compleanno di Andrea Caracciolo in città
Lo striscione esposto per il compleanno di Andrea Caracciolo in città

«A Brescia c’è un solo capitano. Auguri AC9». Come regalo di compleanno, una piacevole sorpresa. Uno striscione celebrativo in città, via Einaudi, sotto casa sua. Andrea Caracciolo ha gradito e si è emozionato. Lui che ha vestito tante maglie in carriera, e attualmente indossa con orgoglio quella di un solido e ambiziosissimo Lumezzane, ma è diventato Airone nell’immaginario di chi segue il calcio italiano indossando la V sul petto. «Il Brescia è nel mio cuore», ha sempre detto il centravanti ormai bresciano adottivo che venerdì ha compiuto 39 anni. L’ultima festa di compleanno prima di entrare negli -anta, anche se l’età che risulta all’anagrafe Caracciolo proprio non la dimostra. E come il Brescia è sempre nel suo cuore, lui è rimasto in quello di tanti tifosi biancazzurri. Compresi quelli che hanno deciso di omaggiarlo dando prova di gratitudine e perché no?, di nostalgia. CARACCIOLO incarna, per ciò che è stato, un Brescia che nei successi e nella sofferenza ha saputo farsi amare dalla sua gente. Caracciolo è il giocatore che più volte ha scelto di restare anche se sarebbe potuto andare a giocare le coppe europee a Kiev o a Glasgow. Ha rinunciato a cifre importanti, a traguardi prestigiosi, perché si era cucito il biancazzurro sotto la pelle, in fondo all’anima. Legatissimo da un rapporto affettivo quasi filiale al compianto presidente Gino Corioni, non se ne sarebbe mai andato se il nuovo corso celliniano non avesse deciso di voltare pagina. Affidandosi, peraltro, ad un altro numero 9 dal gol facile come Alfredo Donnarumma, capocannoniere del campionato della promozione in A (2018/19). Ciò non toglie che il legame fra Caracciolo e la squadra di cui è stato a lungo capitano sia rimasto saldo. Del resto, con 173 gol l’Airone è il più grande bomber del Brescia di tutti i tempi; il secondo - il pur mitico Gigi De Paoli - insegue a 102. Ha segnato con Baggio, si è salvato, è retrocesso ma è risalito segnando un gol decisivo nella finale-playoff contro il Torino. Resta, e resterà, nella storia del Brescia.

G.P.L.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Cittadella
10
Empoli
10
Salernitana
8
Venezia
7
Chievoverona
7
Frosinone
7
Reggina
6
Lecce
5
Reggio Audace
4
Cosenza
4
Brescia
4
Ascoli
4
Monza
3
Spal
3
Pordenone
3
Cremonese
3
Virtus Entella
3
Pisa
3
L.r. Vicenza Virtus
2
Pescara
1
Ascoli - Reggio Audace
2-1
Chievoverona - Brescia
1-0
Cittadella - Pordenone
2-0
Empoli - Spal
2-1
Frosinone - Virtus Entella
0-0
Lecce - Cremonese
2-2
L.r. Vicenza Virtus - Salernitana
1-1
Pisa - Monza
1-1
Reggina - Cosenza
0-0
Venezia - Pescara
4-0