06 agosto 2020

Sport

Chiudi

03.12.2019

Tonali, Cistana, Romulo: senza il Genio tutti spenti

Il brasiliano Romulo, 32 anni, allarga le braccia: ha perso la brillantezza di inizio campionato. Spera di ritrovarla con il Corini-bisAndrea Cistana, 22 anni, difensore centrale del Brescia
Il brasiliano Romulo, 32 anni, allarga le braccia: ha perso la brillantezza di inizio campionato. Spera di ritrovarla con il Corini-bisAndrea Cistana, 22 anni, difensore centrale del Brescia

La gestione Grosso è stata una perdita di tempo evitabile. Lo dicono i numeri: tre partite, tre sconfitte, dieci gol presi, zero fatti. La media punti, manco a dirlo, è uno zero tondo tondo. Zero assoluto come tutto il suo Brescia. Disorganizzato, confuso, approssimativo. Per non dire altro. Un encefalogramma piatto che più piatto non si può. Ecco che dopo tre giornate arriva allora una nuova scarica di defibrillatore. Tocca di nuovo a Corini, il Genio. Anzi, Eugenio: Eugenio incompreso. Desiderato, acclamato, amato dal popolo ma non da chi poteva (doveva?) mantenerlo saldamente al suo posto per dare un segnale di fiducia a tutto l’ambiente. Invocato contro il Torino alla prima uscita di Grosso, richiesto a gran voce dopo il 3-0 dell’Olimpico di Roma, reclamato di nuovo durante il derby degli orrori con l’Atalanta, è stato finalmente richiamato dall’unico che aveva il potere di farlo tornare. Tocca di nuovo a lui, finalmente. PER FUGARE ogni dubbio in partenza, va detto che i numeri del Corini pre-esonero non sono certo da salvezza in carrozza. In 9 partite sono arrivati 7 punti, per una media di 0,77 a gara: tenendo questo passo si chiude il campionato a quota 25. Il gioco espresso, però, qualche speranza la concede. Dove il suo successore (che ora diventa curiosamente anche il suo predecessore) ha incassato solo sberloni (il 4-3-3 di Grosso è entrato nella narrativa di media e social network con una naturalezza disarmante), Corini aveva saputo limitare i danni se non provare a fare lo sgambetto. Napoli, Juventus e Inter sono tre rovesci della stessa medaglia. Di un vorrei ma per ora non posso: se ne riparlerà più avanti, quando certi meccanismi saranno rodati e si tornerà a pedalare per i tre punti. Certo, spesso si è usciti dal campo con la retorica del «a noi gli applausi, agli altri i punti», inaccettabile sul lungo periodo ma pur sempre confortante nei momenti in cui qualche problemino strutturale appare evidente anche al fruttivendolo sotto casa. A CORROBORARE la candidatura di Corini a uomo del destino (di nuovo) c’è poi un dato che pochi hanno evidenziato. Ovvero che fino al suo esonero, il tecnico di Bagnolo Mella non aveva mai potuto contare sulla totalità dei giocatori che hanno contribuito al miracolo lo scorso anno. Esempi? Torregrossa e Ndoj, per citarne due che un certo peso (tecnico e tattico) in questa squadra lo hanno. Si riparte da lì. Dalla necessità di ricostruire quell’entusiasmo che ha portato il Brescia coriniano ad acciuffare con pieno merito 6 punti nelle prime 4 giornate di campionato. E dalla sfrontatezza dei giovanotti. Tonali che replica in Serie A quel che confezionava in B. Cistana che gioca bene a tal punto da meritare la convocazione in Nazionale. Ma anche Romulo goleador (a Udine, ultima vittoria) e prezioso con il Bologna (ok, si è perso ma tutto fa brodo). E pure Balotelli, che dopo l’addio di Corini è precipitato in un vortice di sfiducia e negatività (sarà un caso?) perdendo addirittura il treno per Roma. Il Brescia ha forse problemi tecnici e di caratura in certe zone del campo ma quello che non gli è mai mancato era un allenatore che conoscesse pregi e difetti della rosa. Senza di lui si è visto a cosa si va incontro. Con lui (e magari con un paio di acquisti giusti a gennaio) si può fare un miracolo. È già successo una volta, perché non crederci di nuovo? • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Alberto Armanini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Benevento
86
Crotone
68
Spezia
61
Pordenone
58
Cittadella
58
Chievoverona
56
Pisa
54
Frosinone
54
Empoli
54
Salernitana
52
Venezia
50
Cremonese
49
Virtus Entella
48
Trapani
48
Cosenza
46
Ascoli
46
Pescara
45
Perugia
45
Juve Stabia
41
Livorno
21
Ascoli - Benevento
2-4
Chievoverona - Pescara
1-0
Cosenza - Juve Stabia
3-1
Cremonese - Pordenone
2-2
Frosinone - Pisa
1-1
Livorno - Empoli
0-2
Salernitana - Spezia
1-2
Trapani - Crotone
2-0
Venezia - Perugia
3-1
Virtus Entella - Cittadella
2-3