23 gennaio 2021

Sport

Chiudi

04.12.2020 Tags: Calcio

«Brescia? Da bresciano maglia pesante»

Stefano Minelli, 26 anni portiere ex Brescia: a giorni il ritorno in B?
Stefano Minelli, 26 anni portiere ex Brescia: a giorni il ritorno in B?

Ancora un super ospite per le riunioni Zoom del Concesio: dopo l’incontro con Francesco Galuppini, capocannoniere in Serie C con il Renate, i ragazzi del settore giovanile triumplino hanno avuto l’occasione di chiacchierare virtualmente con Stefano Minelli, altro grande protagonista del mondo calcistico bresciano. Rezzatese classe ’94, Minelli ha difeso la porta del Brescia dal 2013 al 2019, indossando la casacca biancazzurra in 134 occasioni. Poi una stagione e mezza a Padova, fra Serie B e C. FINO ALLA PROSSIMA avventura, che potrebbe scattare a breve, fra qualche giorno: «Sono quasi alle visite mediche – conferma trepidante il portiere –: al momento, per scaramanzia, preferisco ancora non anticipare niente. Se non che tornerò in B». Meglio concentrarsi, allora, sulle bellissime emozioni vissute con la squadra del cuore: «Ho esordito con il Brescia giovanissimo, a 20 anni - racconta orgoglioso -: non è stato facile gestire la pressione. Emblematicamente l’ultima partita giocata è stata quella contro l’Ascoli, con la salvezza conquistata sul filo di lana: ho chiuso il cerchio». Poi le incomprensioni e gli ultimi mesi da separato in casa, fino al passaggio al Padova nel gennaio 2019: «Giocare al Brescia da bresciano non è stato facile - riflette Minelli -: forse l’ho vissuto con troppa tensione. Al debutto coi biancorossi ho pure parato un rigore a Pazzini: un’emozione immensa». Qual è la caratteristica imprescindibile per un portiere? «L’umiltà - spiega con sicurezza -: serve lavorare a testa bassa. In campo, poi, è necessario mostrare un po’ di spavalderia. Ma dietro le quinte non bisogna mai perdere la pacatezza». La parata più bella? Minelli, con l’animo, ritorna a quella sera di Ascoli del 18 maggio 2018: «Ci fu una situazione concitata in mischia - ricorda -: dopo un batti e ribatti sono riuscito a bloccare la palla con un grande colpo di reni. Forse non la più bella, certamente la più importante». Il portiere preferito? «Il mio idolo è Julio Cesar, quando giocava all’Inter lo adoravo - confessa ai ragazzi del Concesio -: come me, il brasiliano non faceva dell’altezza il suo punto di forza. Aveva però un’esplosività fuori dal comune, che gli permetteva di fare la differenza rispetto a tutti gli altri». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Michele Laffranchi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Empoli
37
Cittadella
33
Spal
32
Monza
31
Salernitana
31
Lecce
29
Chievoverona
28
Pordenone
27
Frosinone
26
Venezia
25
Pisa
23
L.r. Vicenza Virtus
21
Brescia
21
Cremonese
18
Reggina
17
Virtus Entella
17
Cosenza
16
Pescara
16
Reggio Audace
15
Ascoli
13
Ascoli - Chievoverona
Brescia - Monza
Cosenza - Pordenone
Cremonese - Spal
Frosinone - Reggina
Lecce - Empoli
Reggio Audace - L.r. Vicenza Virtus
Salernitana - Pescara
Venezia - Cittadella
Virtus Entella - Pisa
2-1