30 maggio 2020

Sport

Chiudi

19.03.2020 Tags: Ciclismo

«Dubbi sul mio successo? Mai avuti. Così quel giorno son diventato campione»

L’arrivo solitario di Michele Dancelli alla Milano-Sanremo nel 1970
L’arrivo solitario di Michele Dancelli alla Milano-Sanremo nel 1970

Non riesco a spiaccicare parola, non so se è tutto vero o un sogno»: questa la dichiarazione a caldo di Michele Dancelli dopo aver concluso in perfetta solitudine la 61ª edizione della Classicissima dei fiori, a conclusione di una galoppata di 288 chilometri percorsi in 6h32’52” a 43,976 Km/h. Finalmente un successo italiano che mancava da diciassette anni: ultimo azzurro ad affermarsi era stato infatti Loretto Petrucci nel 1953. Michelino ha vinto la Milano-Sanremo in un giorno di festa: quel giorno si celebrava infatti San Giuseppe, che dal 1977 in poi è stata cancellata dal calendario nazionale. Che potesse vincere questa prestigiosissima corsa l’aveva lasciato intendere anche nelle precedenti edizioni. Soprattutto nel 1966 quando è stato 4° alle spalle di Eddy Merckx, Adriano Durante e Herman Van Springel. Negli anni precedenti ha chiuso 13°, 11°, 20° e 44°. Nel 1969 ha fatto le prove generale involandosi insieme ad altri coraggiosi a Ovada. Solo all’inizio del Poggio il gruppo ha raggiunto i fuggitivi: il nostro campione raschiando il barile trovò ancora la forza di scattare ma sua maestà Eddy Merckx in discesa siglò un rarissimo preziosismo tecnico cogliendo uno dei suoi successi. Il 19 marzo 1970 però è andato tutto liscio come l’olio. A Novi Ligure si inserisce con prontezza in una fuga a lunga gitta insieme a Zilioli, Van Looy, Van Loo, Rogered, Erick De Vlaeminck, Aldo Moser, Chiappano, Wolfshol, Godefroot, Karstens, Soffi, Leman, Huyamans, Ottenbros, Simonetti, Soave e Pella. A Loano Chiappano vince il traguardo volante ma Dancelli parte subito dopo all’attacco da solo. Al rifornimento di Alassio vanta 1’30” di vantaggio. A 20 chilometri dall’arrivo ha 2’30” su 15 inseguitori. A quel punto il suo direttore sportivo Giorgio Albani gli dice di proseguire. Leman gli si avvicina, ma lui insiste e sul Poggio ha tutto il tempo di guardare quello che sta accadendo alle sue spalle e non vede nessuno. A questo punto deve solo raggiungere il traguardo. IL FINALE è un’autentica passerella. E subito dopo l’arrivo viene letteralmente subissato dalla folla: «Sono un campione anch’io, oggi credo di averlo dimostrato». Con qualche giornalista non ha mai avuto un rapporto idilliaco ma quel giorno erano tutti sono ai suoi piedi: «È la vittoria più sofferta e prestigiosa della mia carriera. Ho percorso 70 chilometri da solo ad una media davvero incredibile e ora mi voglio godere questo fantastico momento. Se ho avuto dubbi sulla mia vittoria? Mai. Anche se all’inizio Albani mi ha detto di rimanere tranquillo. Quando il vantaggio ha superato i 2 minuti è stato invece lui a darmi la carica». Anche quando Leman si è avvicinato: «Non ho mai avvertito il benché minimo problema fisico e psicologico. Ho solo pensato a pedalare il più veloce possibile». E alla fine Michele Dancelli ha vestito i panni del campione: «Tutti mi hanno osannato per aver regalato all’Italia la vittoria: è stata davvero una grande giornata». E dopo tre giorni, domenica 22 marzo altro bagno di folla allo Stadio Rigamonti a Mompiano: «Il sindaco di Brescia Bruno Boni mi ha invitato per farmi fare il giro d’onore davanti ai bresciani impazziti. Quel giorno il Brescia giocava contro il Napoli e capitan Juliano mi ha voluto regalare la sua maglia: davvero una grande emozione». © RIPRODUZIONE RISERVATA

A.MAS.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Benevento
69
Crotone
49
Frosinone
47
Pordenone
45
Spezia
44
Cittadella
43
Salernitana
42
Chievoverona
41
Empoli
40
Virtus Entella
38
Pisa
36
Juve Stabia
36
Perugia
36
Pescara
35
Ascoli
32
Venezia
32
Cremonese
30
Trapani
25
Cosenza
24
Livorno
18
Benevento - Pescara
4-0
Chievoverona - Cosenza
2-0
Cittadella - Pordenone
0-2
Empoli - Trapani
1-1
Frosinone - Cremonese
0-2
Juve Stabia - Spezia
3-1
Perugia - Salernitana
1-0
Pisa - Livorno
1-0
Venezia - Crotone
1-3
Virtus Entella - Ascoli
3-0