09 dicembre 2019

Sport

Chiudi

25.10.2019

La delusione di Martinelli: «Non volevo crederci»

Giuseppe Martinelli sul podio del giro 2016 con Vincenzo Nibali
Giuseppe Martinelli sul podio del giro 2016 con Vincenzo Nibali

Bresciabici è rimasta di sasso al termine della presentazione del Giro d’Italia 2020: tecnici, corridori, sponsor e tifosi non volevano credere alle immagini, ma alla fine sono stati costretti a prendere nota dello sgarbo subito. Tra coloro che sono rimasti male c’è anche Giuseppe Martinelli, tecnico di Lodetto di Rovato, artefice delle due partenze della corsa nel 2001 e nel 2006 da Erbusco (Porte Franche) e da Rovato (con storico passaggio dalla piccola Lodetto). IN CARRIERA ha portato alla vittoria Marco Pantani, Stefano Garzelli, Gilberto Simoni, Damiano Cunego e Vincenzo Nibali (due volte). È quindi uno dei tecnici più affermati e vincenti, se non addirittura il più vincente. Presente al varo negli studi della Rai a Milano, quando ha constatato la bocciatura di Brescia e provincia ha storto la bocca «Davvero un peccato perché il Giro sul nostro territorio ha sempre ottenuto un grande successo di pubblico. I bresciani amano questo sport e sicuramente cercheranno comunque di salire sulle montagne della corsa per vedere i propri beniamini. Per farlo però dovranno sobbarcarsi numerosi chilometri in auto. Ma questo è un Giro del tutto particolare che si è dimenticato anche di altre zone ciclisticamente all’avanguardia. È un vero peccato. Avevo avuto sentore che nel 2020 la nostra provincia non avrebbe fatto parte del programma, ma in cuor mio speravo proprio di sbagliarmi». C’è ancora un sogno nel cassetto da cullare però: la cronometro individuale tra i vigneti della Franciacorta. Dopo Chianti, Barolo, Barbera, Prosecco, verrà il turno delle nostre bollicine? «Sinceramente non ci spero più. Pensavo si potesse organizzare l’anno scorso ma poi la corsa ha preso la direzione di Iseo in una tappa in linea. La Franciacorta merita di essere per un giorno la capitale del ciclismo mondiale. Siamo cocciuti e ci speriamo ancora, ma dubito proprio che questo sogno si possa realizzare. Purtroppo le richieste di ospitare le tappe del Giro sono numerose e gli organizzatori hanno solo l’imbarazzo della scelta». Brescia e provincia negli anni sono state sedi d’arrivo 43 volte e altrettante sedi di partenza. Fausto Bertoglio e Roberto Visentini hanno vinto le edizioni del 1975 e del 1986. Nel 1976 Fausto Bertoglio è stato anche terzo. Nel 1983 e nel 1996 Roberto Visentini e Enrico Zaina hanno chiuso al secondo posto. I nostri corridori hanno conquistato la bellezza di 198 podi di giornata, 62 dei quali d’oro. Sono numeri da capogiro che l’organizzazione non ha preso in considerazione. Come mai? Ai posteri l’ardua sentenza. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

A.MAS.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Benevento
34
Pordenone
25
Cittadella
25
Chievoverona
24
Frosinone
23
Crotone
22
Virtus Entella
22
Perugia
22
Ascoli
21
Pescara
21
Empoli
21
Pisa
20
Spezia
19
Salernitana
19
Venezia
18
Cremonese
17
Juve Stabia
14
Cosenza
13
Trapani
13
Livorno
11
Benevento - Trapani
5-0
Chievoverona - Cremonese
1-0
Cittadella - Salernitana
4-3
Empoli - Ascoli
2-1
Juve Stabia - Frosinone
0-2
Perugia - Cosenza
Pescara - Venezia
2-2
Pisa - Virtus Entella
0-2
Pordenone - Crotone
1-0
Spezia - Livorno
2-0