25 aprile 2019

Sport

Chiudi

06.01.2019

«Otelli è stato un esempio per tutti»

Tantissime persone a Sarezzo hanno voluto dare l’ultimo saluto a Giancarlo Otelli, scomparso improvvisamente giovedì all’età di 66 anni: tutto il ciclismo italiano ha reso omaggio alla sua opera di ineguagliabile dirigente FOTO RODELLAA sinistra la parrocchia dei santi Faustino e Giovita a Sarezzo gremita; sopra il dolore di Jakub Mareczko FOTO RODELLALa bara di Giancarlo Otelli «scortata» dai ragazzi della sua squadra durante il funerale FOTO RODELLA
Tantissime persone a Sarezzo hanno voluto dare l’ultimo saluto a Giancarlo Otelli, scomparso improvvisamente giovedì all’età di 66 anni: tutto il ciclismo italiano ha reso omaggio alla sua opera di ineguagliabile dirigente FOTO RODELLAA sinistra la parrocchia dei santi Faustino e Giovita a Sarezzo gremita; sopra il dolore di Jakub Mareczko FOTO RODELLALa bara di Giancarlo Otelli «scortata» dai ragazzi della sua squadra durante il funerale FOTO RODELLA

Il mondo del ciclismo ha reso omaggio a Giancarlo Otelli. La Parrocchiale di Sarezzo, dedicata ai santi Faustino e Giovita, pur ampia non è riuscita a contenere il fiume di gente che ha voluto partecipare alle esequie del dirigente sportivo, scomparso improvvisamente giovedì all’età di 66i anni. Con largo anticipo sull’arrivo del feretro sul sagrato della Parrocchiale, sono giunti in Valtrompia Daniela Isetti (vice presidente vicario Fci), Michele Gamba (Vice presidente), Cordiano Dagnoni (presidente regionale Fci) con il suo vice Fabio Perego e i consiglieri Raffaello Viganò e Fabio Pioselli, Ruggero Gervasoni (assessore comunale a Sarezzo), Alesandro Sala (ex assessore provinciale e consigliere regionale), Cesare Sambrici (sindaco di Caino), Rino De Candido (Ct della Nazionale italiana), Gianni POzzani (presidente provinciale Fci) con tutto il direttivo, Gianni Sommariva, Domenico Garbelli, Eugenio Salvoldi, Elisio Sabbadini, unitamente a numerosi ex corridori, numerosi dei quali passati proprio dal suo team. C’era anche l’ex presidente federale Giancarlo Ceruti. Con Michele Dancelli hanno presenziato Michele Gaia, Roberto Ferrari, Jakub Mareczko, Giovanni Carini, il campione del mondo di Salò 1962 Renato Bongioni con il figlio Alessio, il campione olimpionico di Città del Messico 1968 Pierfranco Vianelli, Domenico Perani, Angelo Tosoni, i fratelli Alborghetti e numerosi altri. E le società: Feralpi Monteclarense, San Vigilio, Ronco, Soprazocco, San Geo, Polisportiva Camignone e tantissime altre. Da fuori provincia rappresentanti della trentina Monte Corona Plaù di Giovo e dell’orobica Team Giorgi. SONO STATI i suoi ragazzi dell’Aspiratori Otelli Vtfm Carin Nacanco a scortarlo all’ingresso della chiesa. Tra loro anche Michele Gazzoli, che ha lasciato la società dove è cresciuto solo due anni fa. Nella parrocchiale un silenzio…fragoroso. Nella mente e nei cuori delle persone presenti sono passate le immagini dell’amico che se n’è andato troppo presto. Nell’omelia il parroco di Sarezzo, don Camillo Pedretti, ha ricordato la figura dello sportivo scomparso: «Giancarlo Otelli è stato per la nostra comunità un grande esempio - le parole di don Pedretti -. Lo attesta la vostra presenza: la nostra chiesa molto grande, in questa circostanza è troppo piccola per contenere tutte le persone accorse per l’ultimo saluto. Giancarlo è stato un grande dirigente: accomodante e buono come il pane, ma nello stesso tempo esigente. Se è vero che lo sport educa alla vita, Otelli ha certamente contribuito a fare diventare uomini i ragazzi che ha avuto nella sua squadra. E la presenza massiccia dei suoi gnari lo sta a confermare». Il silenzio si è fatto ancora più assoluto quando la prima viola dell’Orchestra della Rai di Torino, Luca Ranieri, ha eseguito due brani di Bach: la Sarabanda ela Suite. E ancora di più quando ha intonato le note dell’Ave Maria di Piazzolla. Per il grande violista, sempre presente insieme alle presentazione delle squadre della Aspiratori Otelli è stato un pomeriggio triste, molto triste: «Giancarlo, la scorsa estate, mi ha mandato a casa la divisa della sua squadra. È stato davvero un gran bel regalo perché ogni volta che esco in bicicletta la indosso con grande emozione. Con lui perdo un grande amico». Dopo laMmessa il mesto corteo ha raggiunto il cimitero di Sarezzo, un corteo lungo e silenzioso per accompagnare l’amico che lascia un vuoto negli affetti familiari e nel ciclismo. Addio caro Giancarlo e che la terra sia lieve E da lassù saprai guidare i figli e tutti coloro che ti hanno voluto bene. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Angiolino Massolini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Brescia
63
Lecce
60
Palermo
57
Benevento
53
Pescara
50
Hellas Verona
48
Spezia
46
Cittadella
45
Perugia
45
Cremonese
42
Cosenza
42
Ascoli
42
Salernitana
38
Crotone
34
Venezia
33
Foggia
31
Livorno
31
Padova
26
Carpi
26
Ascoli - Venezia
1-0
Brescia - Salernitana
3-0
Carpi - Pescara
0-0
Cittadella - Cremonese
1-3
Cosenza - Spezia
1-0
Foggia - Livorno
2-2
Hellas Verona - Benevento
0-3
Palermo - Padova
1-1
Perugia - Lecce
1-2
Crotone - [ha Riposato]